«PANCAKE 31 - Jeff Dahl» la recensione di Rockol

Jeff Dahl - PANCAKE 31 - la recensione

Recensione del 15 mag 2001

La recensione

Jeff Dahl è uno di quegli irriducibili abituati a frequentare solo i bassifondi del rock ‘n’ roll: sulla scena da decenni, senza nessuna prospettiva di grandi vendite, sempre impegnato a incidere e suonare in giro per club più o meno puzzolenti. Non è il caso di pontificare sull’eroismo del rocker ai margini, ma bisogna ammettere che altri avrebbero smesso già da un bel pezzo. Dahl invece sembra ben lungi dall’averne abbastanza e continua a tirare fuori un disco all’anno, più o meno girando sempre intorno alle sue grandi passioni: il punk, il glam rock e il blues acustico più rozzo e primitivo. Con “Pancake 31” è il momento del glam e Dahl si conferma uno che ha scelto di restare in serie B per vocazione. Qui rimugina intorno ai soliti quattro accordi (ma sa benissimo che sono quelli necessari per farsi ascoltare dalla sua platea abituale) e sforna una sequenza di canzoni fieramente destinata a non cambiare di un millimetro il corso del rock. “Pancake 31” è un album concepito per essere completamente inutile, ma questo non è affatto un difetto. Il problema semmai è che suona un po’ troppo moscio, ci sono un paio di ballate difficili da mandare giù (“Roll with me” e “All the wrong reasons”) e uno strumentale finale che sembra messo lì giusto per riempire l’ultimo minuto. Le cose migliori arrivano quando Dahl ricicla riff ascoltati milioni di volte, come in “Narco voodoo”, “X punkrocker” o “Ashes”, ma l’impressione è che servirebbe qualche esagerazione in più per farli funzionare a dovere. Anche se l’intenzione di Dahl era quella di tenersi alla larga dal punk per questa volta, sembra che si sia trattenuto un po’ troppo. Qualche chitarra più fracassona, qualche coro in più avrebbero probabilmente migliorato il risultato finale. Comunque, la reputazione di Dahl ne esce immutata: bassissima, come sempre. O altissima, è puramente una questione di punti di vista.

(Paolo Giovanazzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.