R.A.P. on line: un progetto contro il disagio giovanile

Si chiama “R.A.P.” on line, e per una volta non si occupa di musica (o almeno non soltanto) ma soprattutto di disagio giovanile: stiamo parlando del progetto messo in piedi dall’Istituto Penale Minorile Cesare Beccaria insieme all’agenzia Glamm Interactive con il sostegno di Don Gino Rigoldi, da 25 anni cappellano dell’Istituto. La sigla R.A.P. sta per Ragazzo Autonomo Progettuale, e il progetto di cui sopra si pone proprio l’obiettivo di richiamare, attraverso Internet, l’attenzione sul disagio giovanile di cui l’Istituto Beccaria è la più forte espressione a livello milanese, combattendolo con l’arma della solidarietà. Come recita il comunicato stampa dell’organizzazione: “Il progetto vuole arrivare attraverso una serie di proposte in sintonia con i bisogni e i linguaggi dei ragazzi, a creare delle opportunità di riflessione e di confronto su un tema significativo come il disagio giovanile e insieme raccogliere fondi necessari per essere concreti e propositivi sul fronte della scolarizzazione, della formazione e del reinserimento dei ragazzi disagiati”. Per fare questo, il 22 aprile verrà presentato, con una conferenza stampa che si terrà alle ore 12 proprio al Beccaria, il sito internete http://www.glamm.com/rap, che sarà la casa virtuale dell’iniziativa R.A.P. on line.
Nello stesso giorno verrà anche presentato il concerto-evento, ancora senza una data precisa (ma dovrebbe coincidere con la fine dell’anno scolastico), al quale parteciperanno diversi personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport e al quale assisteranno i ragazzi delle scuole medie e superiori milanesi. L’occasione sarà quella di condividere i momenti di spettacolo che si svolgeranno all’interno del Beccaria con quanti saranno fuori e viceversa, cercando di trasmettere l’idea di un crollo delle barriere in tempo reale. Tutti gli interventi e le testimonianze che verranno raccolti rimarranno visibili al pubblico sul sito Internet, che sarà un ulteriore strumento attraverso cui sarà possibile seguire le iniziative live o lasciare i propri interventi o considerazioni a commento del progetto o del tema in questione.

Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.