I Police a Torino: una notte tra calore e freddezza

I Police a Torino: una notte tra calore e freddezza
Era uno dei concerti più attesi dell’anno: il ritorno sulle scene italiane dei Police, dopo più di due decenni: uno dei più grandi gruppi rock di sempre che suona le sue canzoni più famose, e il ritorno di Sting alle sue origini, dopo tanto peregrinare tra generi musicali. Il concerto è nel mezzo di un tour iniziato lo scorso maggio in Canada e la data italiana cade in un momento infelice: la giornata è climaticamente clemente, per fortuna. Ma ad ottobre gli stadi sono tutti occupati dal campionato, così si finisce al Delle Alpi, cattedrale nel deserto della periferia torinese, costruito per i mondiali di Italia ’90 e da un paio d’anni abbandonato a se stesso (Juve e Toro sono tornate al Comunale). I dati ufficiali danno il tutto esaurito, 65.000 persone. Ma la realtà è diversa: molta gente arriva con biglietti in più, comprati mesi fa per paura di rimanere fuori. Ma sono difficilissimi da vendere e anche i bagarini faticano a piazzare i loro. Insomma, alla fine si poteva entrare con pochi euro.
Una volta dentro, il colpo d’occhio è impressionante: lo stadio è davvero enorme, e vista la costruzione (una larghissima pista d’atletica e anelli molto più distesi e meno ripidi di San Siro) chi sta in tribuna vede delle formiche sul palco, non degli uomini. Dopo un paio di supporter (La notte della Taranta, a cui spesso ha partecipato Copeland, e i Fiction Plane del figlio di Sting, il cui timbro di voce è molto simile al padre), la band sale finalmente sul palco alle 9 e mezza passate, con un buon ritardo.
Stewart Copeland suona un gong, e si accendono i megaschermi, che circondano la pedana. Partono le prime note di “Message in a bottle”, ed è un tripudio. Altra brutta sorpresa per chi sta in tribuna, però: la lontananza fa arrivare il suono fuori fase, e in certi momenti sembra davvero che il trio faccia fatica ad andare a tempo insieme. Chi sta sul prato, invece, ha un suono decisamente migliore. Dei tre, Andy Summers sembra il meno in forma, un po’ imbolsito. Sting è il consueto ritratto della salute, con maglietta nera attillata, Copeland è indemoniato dietro la batteria. La band inanella un successo dietro l’altro, infilando in scaletta (rigida, con pochissime variazioni e solo di posizione rispetto ad altre serate) anche brani apparentemente secondari come “Truth hits everybody”. Ogni canzone ha una scenografia cromatica sui megaschermi, ma a colpire è la relativa freddezza del gruppo: Sting parla pochissimo, e in un italiano stentato. Tra di loro, i tre quasi non si guardano, e in più di un’occasione si ha la sensazione che stiano svolgendo un compitino: perlopiù tecnicamente perfetto, ma privo di pathos. A quello ci pensa il pubblico, soprattutto nell’ultima parte del concerto, la più suggestiva: spiccano una “Wrapped around your fingers” da brividi, con Copeland che tambureggia su ogni percussione possibile, “Can’t stand losing you” e ovviamente “Roxanne”, eseguita in uno stadio illuminato da una selva di inevitabili luci rosse.
C’è ancora tempo per qualche bis (4 canzoni, tra cui ovviamente “Every breath you take”) e una chiusura al fulmicotone con “Next to you”. C’è tempo anche per i bilanci: una serata dove bisognava esserci, ma tutt’altro che memorabile. I Police sono e rimangono grandissimi, ma il fuoco del rock brucia da altre parti.
Dall'archivio di Rockol - “Reggatta de Blanc”, l’irresistibile reggae’n’roll dei Police
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.