Gli Europe in cattive acque

Gli Europe in cattive acque
Il fisco svedese ha lanciato il "Final countdown" per gli Europe. I vari componenti del disciolto gruppo rock devono parecchie corone all'agente delle tasse. Oggi Joey Tempest, il cantante, vive in Irlanda, dove pensa a come procurarsi il mezzo miliardo in lire che deve alla sua patria; il resto dei musicisti è indebitato complessivamente per un miliardo. Il tastierista Mic Michaeli ha ammesso: «Non capivamo niente di questioni finanziarie. Non ci interessava nemmeno». Sembra che per anni gli autori di "Cherokee" abbiano firmato contratti senza leggerli, e abbiano poi dirottato i propri soldi in un paradiso fiscale ai tropici - mossa che non deve essere stata molto fortunata: pare che gli Europe non paghino per indigenza, più che per avarizia.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.