Due buone notizie (e una cattiva) per Sean 'Diddy' Combs

Sean ‘Diddy’ Combs dovrà pagare 19mila dollari al mese per il mantenimento di uno dei suoi due figli. Lo ha deciso la Corte Suprema di New York, rifiutando la richiesta d’appello presentata dai legali dell’impresario hip hop che cercavano di abbassare di molto la cifra da devolvere mensilmente a Misa Hylton-Brim, ex compagna di Combs e madre del 12enne Justin. Diddy, 36 anni, ha un altro figlio, Christian nato dalla relazione con la modella Kim Porter. L’artista però può consolarsi con le notizie d’essere tra i 100 personaggi più influenti per il Time magazine e che il suo recente unico lavoro teatrale diventerà un film. Dopo aver calcato i palcoscenici di Broadway con "A raisin in the sun" (vedi News), Combs si calerà nuovamente nei panni di Walter Lee Younger, questa volta per il grande schermo. La produzione del film, diretto da Kenny Leon partirà il prossimo novembre a Toronto, Canada.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.