Intervista a The Edge sul «Messaggero»

Intervista a The Edge sul «Messaggero»
«Stiamo registrando il nuovo album, è per quello che, scusami, ieri sera non ho potuto chiamare». Si apre così, con una notizia sulle attuali occupazioni degli U2 e una dichiarazione di amicizia personale, l’intervista di Paolo Zaccagnini a Dave Evans detto The Edge pubblicata oggi sul "Messaggero". «Il nuovo album? Sarà pronto quando i pezzi ci soddisferanno, solo allora. Abbiamo imparato la lezione dell’ultimo album, non diremo nulla alla casa discografica finché non sarà tutto pronto perché altrimenti ci mettono fretta».
Del futuro album, che sarà prodotto da Brian Eno e Daniel Lanois, il chitarrista dice: «Finora niente tecnologia come in "Pop" che, sembra ironico ma vero, era tutto suonato da noi salvo nei primissimi giorni di lavoro, quando facemmo molto uso di loop, sequencer e campionamenti perché Larry Mullen aveva problemi alle mani. Ora vogliamo tornare solo a noi quattro, alle nostre personalità. E magari, ma è presto per dirlo, a suoni più tradizionali».
Alla domanda su quanto le critiche dopo l’esordio a Las Vegas del "PopMart Tour" abbiano fatto male agli U2, The Edge ribatte:
«A quelle critiche abbiamo risposto con i concerti allo stadio di Wembley: un grande successo, lo ha dovuto ammettere anche chi ci aveva criticato duramente. Il fallimento del concerto inaugurale di Las Vegas è totalmente colpa nostra, non abbiamo scuse, lo affrontammo dopo aver fatto troppo poche prove. Las Vegas fu scelta essenzialmente per motivi logistici, non puoi far debuttare un tour mondiale in una grande città. Peccato che un concerto rock lo giudichi alla prima uscita, non è come una commedia o i film, che debuttano in periferia e ai festival, dopo di che si possono fare correzioni. Comunque dopo 4 -5 date tutto ha funzionato a meraviglia. Anche questo è rock’n’roll e non ce ne lamentiamo».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.