Addio a Richard Cole, storico tour manager dei Led Zeppelin

Figura tanto leggendaria quanto controversa dell’entourage della band di ‘Stairway to Heaven’, l’ex collaboratore di Page e Plant è morto all’età di 75 anni
Addio a Richard Cole, storico tour manager dei Led Zeppelin

Richard Cole, tra il 1968 e il 1980 tour manager dei Led Zeppelin, è morto all’età di 75 anni per cause al momento non specificate: a darne notizia, in prima battuta, è stato Dave Lewis, biografo ed esperto della band un tempo capitanata da Robert Plant. L'informazione è stata confermata dal sito LedZepNews, che ha citato come fonti il collezionista Steve A. Jones e l'amministratore della Richard Cole Appreciation Society Sean Atkinson. A ulteriore conferma è arrivato anche un post sulla propria pagina Facebook personale di Pamela Des Barres, scrittrice e - a cavallo degli Sessanta e Settanta - regina delle groupie sulla scena rock'n'roll losangelina. Nel tardo pomeriggio è arrivato anche il cordiglio di Robert Plant, per mezzo di un post sul suo canale Twitter ufficiale:

Cole, che negli ultimi anni aveva stabilito la sua residenza a Kensington, nel cuore di Londra, soffriva da tempo di problemi di salute.

Nato a Londra nel 1946, Cole abbandonò la scuola all’età di quindici anni: la sua carriera professionale iniziò nella seconda metà degli anni Sessanta, quando - dopo una breve gavetta - si guadagnò la reputazione di esperto tour manager, lavorando con band di primo piano come Who e Vanilla Fudge (per i quali nel ‘67 si trasferì negli USA, assistendoli come fonico). Il trait d’union con gli Zeppelin fu Peter Grant, il pittoresco manager del gruppo, che nel ‘68 accompagnò gli Yardbirds - nei quali, all’epoca, militava Jimmy Page - in tour negli Stati Uniti.

Collaboratore fidato del gruppo, Cole da un lato è ricordato come un pioniere del tour managing - sua fu la scelta di non affidarsi a staff o noleggiatori di attrezzature americani in occasione di tournée USA da parte di band britanniche, e dall’altro come tassello immancabile nella sterminata aneddotica zeppeliniana relativa agli eccessi, compreso il famigerato “mud shark incident”. Fu proprio la propensione agli atteggiamenti sopra le righe a costare a Cole il posto nell’entourage degli Zeppelin: diventato dipendente da sostanze stupefacenti, il tour manager fu licenziato - nel 1979 - dallo stesso Grant prima dell’ultima sortita del gruppo sui palchi europei, il Tour Over Europe del 1980, conclusosi il 7 luglio a Berlino, poche settimane prima della morte di John Bonham, spentosi il 25 settembre successivo.

Poco dopo il licenziamento, Cole fu convinto a recarsi in Italia per seguire un percorso di disintossicazione: giunto nel nostro Paese in concomitanza con il tragico attentato alla stazione di Bologna del 2 agosto, il manager fu scambiato per un terrorista e temporaneamente detenuto presso il carcere romano di Rebibbia, dove apprese della scomparsa dell’amico batterista.

Dopo il termine del suo rapporto professionale con i Led Zeppelin, Cole proseguì nell’attività di tour manager collaborando con, tra gli altri, artisti di rilevanza mondiale come Eric Clapton, Black Sabbath, Ozzy Osbourne e Gipsy Kings, e contribuendo a controverse ricostruzioni delle vicissitudini della formazione - contestate, tra l’altro, dagli stessi Plant, Page e Jones - incluse nel volume di Stephen Davis “Hammer of the Gods”. I rapporti tra Cole e il gruppo tornarono a distendersi a partire dalla metà degli anni Duemila, tanto da portare il gruppo a invitare il proprio ex collaboratore all’Ahmet Ertegun Tribute Concert del 2007 a Londra, in occasione del quale i Led Zeppelin si riunirono per l’ultima volta.

[grazie ad Alfredo Marziano]

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.