Rockol Awards 2021 - Vota!

Queen, "Who wants to live forever" diventa un video sul "climate change"

Matteo Valenti racconta il progetto
Queen, "Who wants to live forever" diventa un video sul "climate change"

Un gruppo di studenti di tutti e cinque i continenti realizza un video che mostra la devastazione della Terra. Ce lo racconta Matteo Valenti, che l'ha ideato.



 

All'origine di questo progetto c'è la passione di Brian May per il cinema d'animazione e in particolare per il film di Bruno Bozzetto “Allegro non troppo”.

Questo fatto mi ha portato in qualche modo a poter interagire con lui, e dopo che ci siamo scambiati alcune mail è nata l'idea di questo progetto per la sua associazione "Save me Trust". Avevo già diretto progetti simili, in particolare quello intitolato “Draw not war” dove gruppi di studenti provenienti da paesi di guerra (cattolici e protestanti nordirlandesi, di Sarajevo di diverse etnie e israeliani e palestinesi) avevano lavorato insieme realizzando tre cortometraggi animati, anche grazie ai brani degli U2 e dei Pearl jam.
 
Poter lavorare con Brian May è stato un grande onore, basti pensare che quando avevo 15 anni, nel 1986, dopo aver visto “Highlander” in un cinema estivo, rimasi colpito dalla musica dei Queen e in poco tempo comprai tutto i loro dischi. Per prima cosa io e Brian abbiamo scelto la canzone da usare e dopo alcuni titoli ci siamo accordati su “Who wants to live forever” che ci è sembrata la più adatta. Proprio la canzone che mi aveva fatto scoprire i Queen! Avere una canzone dei Queen come base per il video significava dare una portata assolutamente internazionale al progetto e così ho pensato di coinvolgere scuole di animazione di ogni continente.
 
Trovare le scuole non è stato complicato. In alcuni casi sono passato attraverso la conoscenza di professionisti di quei paesi che mi hanno messo in contatto con scuole e professori, in altri casi ho fatto semplici ricerche sul web. L'argomento del progetto proposto, il nome di Brian May e la canzone dei Queen hanno aiutato moltissimo a trovare collaboratori entusiasti. Abbiamo iniziato a lavorare praticamente proprio mentre il mondo cadeva sotto la maledizione del coronavirus. Tutti gli studenti erano a casa e abbiamo fatto molte call. Abbiamo anche aperto un gruppo di lavoro privato su facebook in modo che tutti potessero vedere le diverse fasi di lavoro di ciascun gruppo. I ragazzi e gli insegnanti sono stati fantastici. Ci hanno messo molto impegno e il risultato è molto professionale. Ho potuto vedere come l'argomento fosse davvero sentito da questi ragazzi.
 
Per la sequenza finale ho coinvolto una piccola squadra di tre amici, grandi professionisti del settore: Gregory Panaccione, Nicoletta Persello e Carlo Odorici che hanno animato le ultime scene, quando l'uomo torna al suo primario stato di scimmia e si ritrova da solo al mondo. La consapevolezza di essere lasciato solo lo costringerà a ripensare a una nuova possibilità. Speriamo di non dover arrivare a quel punto. Si è creato un grande gruppo, con persone da tutto il mondo e questo è davvero un punto di forza! Spero che questo video possa essere visto da più persone possibili e che possa contribuire a suo modo ad un cambiamento, ad una maggiore consapevolezza. Non c'è futuro su questo pianeta senza rispetto per i nostri amici animali e il loro ambiente. È certamente una questione di amore, ma anche di lungimiranza e sopravvivenza.
 
Voglio ringraziare, oltre a tutti gli studenti, professori e scuole, anche Anne e Jo della fiducia di Save Me che sono stati molto gentili e collaborativi. Infine vorrei dire qualcosa su Brian. Non ci siamo mai incontrati dal vivo, ma raramente ho avuto la percezione di una persona così gentile e rispettosa degli altri. Se ascolti la sua chitarra lo capisci e in qualche modo in effetti io lo sapevo già.
 
Crediti e ringraziamenti:

Matteo Valenti
IED European Institute of Design, Milan (Europe)  
Creatures Animation Hub, Kampala (Africa)   
The University of the Arts, Philadelphia (North America)  
Griffith Film School, Brisbane (Oceania)  
Tokyo Zokei University, Tokyo (Asia) 
N.A.D.A. - Núcleo de Animação PUC, Rio de Janeiro (South America)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.