99 Posse condannati per diffamazione nei confronti di Matteo Salvini

Il fatto risale al 2015, prima di un comizio del leader della Lega a Napoli
99 Posse condannati per diffamazione nei confronti di Matteo Salvini
Credits: Gennaro Navarra

Il tribunale di Napoli ha condannato Luca “O’ Zulù” Persico e Marco Messina, nucleo storico dei 99 Posse, a pagare 8mila euro - più un risarcimento e le spese legali - per aver diffamato il leader della Lega Matteo Salvini. L’episodio ebbe luogo nel 2015, prima di un comizio del leader politico a Napoli, città natale della band di “Curre curre guagliò”. A riferire della sentenza, della quale verranno depositate le motivazioni tra 90 giorni, è una nota della Lega.

“Siamo soddisfatti”, ha dichiarato la legale di Salvini, Claudia Eccher: “Lo scudo dell’arte invocato dai 99 Posse non protegge e non legittima ogni messaggio e in particolare quelli di odio alla persona”.

“Avremmo tante cose da dire in merito alla nostra condanna in primo grado, ma preferiamo aspettare gli altri due gradi di giudizio e soprattutto vogliamo evitare di contribuire alla perenne campagna elettorale del querelante, consapevoli che di questo si tratta”, hanno commentato in una Instagram story, da parte loro, Persico e Messina: “Preferiamo che si parli di noi per la musica che facciamo e per le battaglie che decidiamo di sostenere, battaglie serie al fianco di chi lotta per un mondo migliore e non incentrate sulle manie di protagonismo di qualcuno”.

La parola incriminata rivolta dalla band a Salvini sarebbe stata “lota”, termine che in partenopeo significa “sporcizia” e che, traslato, indica una persona meschina dalla condotta amorale e guidata esclusivamente dai propri interessi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.