Winston Marshall ha lasciato i Mumford & Sons

Dopo essersi sospeso qualche mese fa, ora il suonatore di banjo della band britannica lascia il gruppo dopo 14 anni
Winston Marshall ha lasciato i Mumford & Sons

Circa tre mesi fa Winston Marshall si sospese dai Mumford & Sons, ora invece li sta proprio lasciando. Il 33enne suonatore di banjo della formazione britannica ha annunciato che lascerà la band dopo avervi militato per 14 anni, dopo essere rimasto coinvolto in aspre polemiche all'inizio dell'anno per avere elogiato un libro del giornalista di destra Andy Ngo (leggi qui cosa è accaduto).

Winston ha pubblicato un lungo messaggio su Medium in cui ha ricordato il suo tempo trascorso con la band che è formata oltre che da lui anche da Marcus Mumford, Ben Lovett e Ted Dwane, e ha confessato che "non è stata una decisione facile".



Marshall tra le altre cose ha scritto tornando con la memoria ai primi tempi della band: "Ho adorato quei primi tour. Rimbalzando da un palco sudato in una catacomba di Edimburgo per andare, il giorno dopo, a un concerto a Camden. Non siamo riusciti a entrare tutti e quattro con il contrabbasso di Ted nella Polo Volkswagen. Penso che fu Ben a pescare la cannuccia corta e dovette andare in treno con la sua tastiera. Ricordo di avere sfrecciato lungo la M6 nella notte, mentre i ragazzi mi dormivano accanto. Ce la facemmo ma non la mia voce, completamente stravolta dalla stanchezza, ho dovuto mimare le mie parti. Stare nei Mumford & Sons è stato esilarante".

Winston Marshall ha ammesso che la tempesta generatasi su Twitter ha contribuito alla sua decisione di lasciare il gruppo. "Dalle odissee nelle isole scozzesi a fare da headliner a Glastonbury, da Betsy Trotwood al Madison Square Garden. Abbiamo fatto tutto. Quale benedizione è stata stare così vicino a dei talenti come quei tre. Guarderò a tutto questo con immenso orgoglio e amore. Tuttavia, dopo molte riflessioni e considerazioni, ho deciso che è ora di andare avanti. Questa è una decisione difficile causata da una tempesta involontaria su Twitter".

Inizialmente ha pensato a un temporaneo passo indietro e, sebbene i suoi compagni di band volessero che rimanesse, alla fine ha deciso che doveva andarsene completamente per salvaguardarli dalle critiche. In un passo del suo scritto Marshall dice: "Nonostante fossimo in quattro, agli occhi del pubblico, eravamo un'unità. Inoltre c'è il nome del nostro cantante. A seguito del mio tweet, quel nome è stato infangato da alcune accuse piuttosto brutte. Mi dispiace molto per l'angoscia che ha causato a loro e alle loro famiglie quel fine settimana. Rimango sinceramente dispiaciuto per questo. Involontariamente, li avevo trascinati in una questione divisiva e totemica."

“Parlare di ciò che ho imparato su una questione così controversa porterà inevitabilmente problemi ai miei compagni di band. Il mio amore, lealtà e responsabilità nei loro confronti non possono permetterlo. L'unico modo per me per andare avanti è lasciare la band. Spero che, prendendo le distanze da loro, possa essere in grado di dire quello che penso senza che loro ne subiscano le conseguenze. Me ne vado con l'amore nel cuore e auguro a quei tre ragazzi solo il meglio. Non ho dubbi che in futuro le loro stelle brilleranno a lungo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.