Canta&Autore, a colloquio con Lorenzo Vizzini

A tu per tu, in studio, con l’autore di ‘Mi sento bene’ di Arisa, ‘Quanto ti amo’ di Renato Zero, ‘200 note’ di Laura Pausini e tanti altri successi
Canta&Autore, a colloquio con Lorenzo Vizzini

Lorenzo Vizzini è il secondo ospite di Canta&Autore, format di BMG powered by Rockol incentrato sul mondo degli autori e della scrittura di canzoni.

L'intervento di Lorenzo Vizzini a Canta&Autore è disponibile su Spotify, Apple Podcast e YouTube a questo indirizzo.

Nato a Ragusa, in Sicilia, classe 1993, Lorenzo Vizzini si trasferisce appena diciottenne a Milano, dove inizia la sua carriera da autore professionista firmando otto brani per il disco di Ornella Vanoni “Meticci”. Seguono altre prestigiose collaborazione con, tra gli altri e le altre, Renato Zero (per “Quanto ti amo”), Emma (per “A mano disarmata”), Mr.Rain (per “Fiori di Chernobyl”), Laura Pausini (per “200 note”), Raphael Gualazzi (per “Mondello Beach”) e Giordana Angi (per “Chiedo di non chiedere”).

Entrato nel 2019 nel roster di BMG Italy, nello stesso anno Vizzini oltre rafforzare la collaborazione con Zero firmando otto dei brani presenti nell’album “Zerosettanta” prende parte - sempre come autore - al Festival di Sanremo partecipando alla composizione dei brani presentati da Arisa (“Mi sento bene”) e Anna Tatangelo “Le nostre anime di notte”.

“Quello dell’autore è un lavoro abbastanza totalizzante, dove il confine tra vita professionale e vita privata è sfumato", racconta Vizzini della sua professione: "Mi capita molto spesso di andare a fare la spesa e di pensare a come scrivere una canzone. Non c’è mai il passaggio tra dimensione lavorativa e ‘stacco’ dal lavoro”.

“L’interprete è fondamentale", spiega l'autore a proposito del rapporto con la propria controparte artistica: "Banalmente se ‘Yesterday’ fosse stata cantanta dal cugino di Paul McCartney non sarebbe stata ‘Yesterday’, così come qualsiasi grande canzone non può vivere di vita propria, perché altrimenti non avremmo bisogno di grandi cantanti. Penso che, a volte, la voce faccia anche di più di una bella canzone”.

“Negli ultimi dieci anni, cioè da quando la musica si è fatta più ‘liquida’, si è trasformato molto il valore di una canzone nella vita personale della gente", riflette Vizzini a proposito dell'approccio generale alla composizione di chi fa il suo mestiere: "La canzone è diventata sempre più un fattore di intrattenimento, come tanti altri, e quindi è subentrata una certa ‘furbizia’ nello scrivere i pezzi: è una cosa che appartiene a questo periodo storico, ma che non riguarda solo la musica, ma anche il cinema e la televisione. La canzone di base ha una forza comunicativa, ma fa parte del mestiere adeguarsi e riflettere lo spirito del tempo”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.