È nata una super tribute band dedicata a David Gilmour dei Pink Floyd

Ci sono musicisti già al fianco di Phil Collins, Brian Eno, David Byrne, Patti Smith e Crosby, Stills e Nash.
È nata una super tribute band dedicata a David Gilmour dei Pink Floyd

L'hanno battezzata The Gilmour Project: è una tribute band tutta dedicata all'ex chitarrista dei Pink Floyd. Avrebbe dovuto esordire dal vivo lo scorso anno, poi la pandemia ha spinto i suoi componenti a rivedere i piani legati alle attività del gruppo, che si esibirà per la prima volta per il pubblico il prossimo 24 giugno in streaming sulla piattaforma americana Afton (alle 19, quando in Italia saranno le 4 di mattina di venerdì 25), dal Great American Music Hall di San Francisco, piccola sala da concerto della città californiana. I componenti, appunto. Chi sono?

Del quintetto fa parte anzitutto il chitarrista Jeff Pevar, che nel corso della sua carriera ha suonato con - tra gli altri - Crosby, Stills e Nash, James Taylor, Joe Cocker e Phil Collins. C'è poi il bassista Kasim Sulton, già membro degli Utopia, la band di Todd Rundgren che si impose sulle scene tra gli Anni '70 e '80: ha suonato anche con i Blue Öyster Cult e con Patti Smith. Alle percussioni c'è Prairie Prince, già al fianco di Brian Eno, David Byrne, George Harrison, Glenn Frey. Completano la formazione il chitarrista Mark Karan e il tastierista Scott Guberman: hanno entrambi accompagnato Phil Lesh, lo storico bassista dei Grateful Dead.

I componenti del Gilmour Project non si limiteranno ad eseguire le canzoni legate all'ex Pink Floyd così come il pubblico le conosce. Il modello di riferimento, fanno sapere, sono i Blue Floyd, il gruppo composto da Allen Woody, Matt Abts, Marc Ford, Berry Oakley Jr. e Johnny Neel che nei primi anni Duemila riarrangiò in chiave jazz i brani dei Pink Floyd: "Siamo musicisti legati da un background che è sia prog che improvvisativo: vogliamo portare queste canzoni fuori dalle loro vesti, pur rispettando gli amati hoock e i fraseggi musicali".

Per restare in tema Pink Floyd e superband: il prossimo 28 maggio arriverà nei negozi "Still wish you were here", rifacimento integrale dell'album che la leggendaria rock band pubblicò nel 1975, contenente pezzi come la stessa "Wish you were here" o "Shine on you crazy diamond", realizzato da musicisti di band come i Deep Purple, i Queensryche, i Dream Theater, i Damned e i Public Image LTD.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.