Noel Gallagher: ecco perché, secondo lui, non c’è bisogno di una reunion degli Oasis

“Gli Oasis sono finiti, temo”, dice il già principale compositore della band britannica
Noel Gallagher: ecco perché, secondo lui, non c’è bisogno di una reunion degli Oasis

Se da un lato c’è Liam Gallagher, che più volte ha chiamato a gran voce la reunion degli Oasis, scioltisi nel 2009, dall’altro c’è il fratello maggiore Noel che, invece, ha sempre ribadito la sua posizione ostile riguardo l’idea di riunire la formazione di Manchester. Proprio quest’ultimo ha nuovamente chiuso alla possibilità di rivedere in azione la band di “Wonderwall” a margine di una recente intervista.

Nel corso di una chiacchierata con Waleed Aly per il programma televisivo australiano in onda su Network Ten, “The Project”, il già principale compositore degli Oasis ha commentato il fatto che la reunion del gruppo di “Supersonic” sia da sempre uno degli argomenti più discussi dicendo: “Non sono mai io a iniziare la conversazione. Altre persone ne sono affascinate, il che mi affascina”. Ha aggiunto: “Ma a parte questo, non ho molto da dire al riguardo”.

Sul perché, secondo lui, Liam e Noel Gallagher non hanno bisogno di riformare la band britannica l’ex chitarrista degli Oasis ha spiegato: “Il lascito musicale della band è scolpito nella pietra.

Se le persone ci hanno visto, sanno di cosa si tratta. Se non ci hanno visto, allora è dura perché io non ho mai visto i Beatles o i Sex Pistols”. Oltre a insistere sul fatto che non ha “voglia” di riunire il gruppo, ha aggiunto: “Le persone mi fanno domande sulla reunion degli Oasis quotidianamente e posso solo dire questo: semplicemente non ne ho voglia. Quando sei in una band, è un compromesso assoluto, quindi no, non penso. Potrei proporre un'idea e gestirla con altre quattro persone e poi sei settimane dopo qualcuno la respinge perché il loro gatto ha la tosse. Mi piace marciare al ritmo del mio tamburo. Gli Oasis sono finiti, temo”.

Mentre prossimamente verrà proiettato nei cinema il documentario celebrativo per il venticinquennale delle due date tenute dagli Oasis nell’agosto del 1996 a Knebworth, in Gran Bretagna, l’11 giugno 2020 Noel Gallagher darà alle stampe un greatest hits per celebrare i dieci di attività dei suoi High Flying Birds, intitolato “Back the way we came: vol 1 (2011-2021)”. Il disco includerà anche due nuovi brani, "Flying on the ground” e “We're on our way now”. Quest’ultimo è già stato reso disponibile all’ascolto come prima anticipazione tratta dall’album ed è accompagnato da un video ispirato al cinema della Nouvelle Vague francese.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.