Britney Spears: "Per mantenermi sana devo ballare Steven Tyler"

Due mesi dopo l’uscita del documentario ‘Framing Britney Spears’, la popstar ha deciso di scrivere un post.
Britney Spears: "Per mantenermi sana devo ballare Steven Tyler"

La prima reazione, a freddo. Articoli di ogni genere, ma lei non aveva ancora preso parola. Britney Spears ha pianto per due settimane dopo aver visto alcune parti del documentario sulla conservatorship "Framing Britney Spears". Lo racconta in un post Instagram in cui per la prima volta commenta direttamente il film, oltre a riflettere sui concetti di celebrità e fragilità. Il tutto accompagnato da un video di un minuto in cui balla sulle note di "Crazy" degli Aerosmith di Steven Tyler.

"È una vita che sono al centro di speculazioni - scrive Spears - sono stata messa sotto la lente di ingrandimento e giudicata per tutta la mia esistenza. Per mantenermi sana devo ballare Steven Tyler tutte le sere. È una vita che mi espongo esibendomi di fronte al pubblico. Ci vuole molta forza per fidarsi dell’universo quando sei vulnerabile, perché sono sempre stata giudicata… insultata… e umiliata dai media… e lo sono ancora oggi. Mentre il mondo continua a girare e la vita va avanti, noi continuiamo a essere fragili e sensibili". E ancora: "Non ho guardato il documentario - scrive la cantante - ma da quel poco che ho visto mi sono sentita umiliata da come mi hanno descritta. Ho pianto per due settimane e, beh, ancora mi capita di piangere. Faccio quel che posso nella mia spiritualità cercare di mantenere vivi gioia, amore e felicità. Ballare tutti i giorni mi rende felice. Non sono perfetta… la perfezione è noiosa… Sono qui per trasmettere un po’ di gentilezza".

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.