Perché The Weeknd gira con il volto bendato?

Il cantante si è rifatto? Oppure lo hanno pestato a sangue?
Perché The Weeknd gira con il volto bendato?

Tranquilli, il volto di The Weeknd è sano e salvo. Non hanno pestato di botte il cantante canadese. E neppure si è rifatto zigomi, naso e mento, come sembra nel video del singolo "Save your tears". Il perché appare in pubblico e nelle immagini promozionali con la faccia coperta da bende, la star dell'r&b contemporaneo - che salì alla ribalta nel 2015 con una canzone intitolata, guarda un po', "Can't feel my face" - lo ha spiegato in una recente intervista.

The Weeknd - vero nome Abel Tesfaye, 30 anni - ha riassunto con queste parole il concept parlando con "Variety":

"Il significato dell'intera fasciatura della testa riflette l'assurta cultura delle celebrità di Hollywood e di chi manipola sé stesso per ragioni superficiali, per compiacere e per ricevere approvazione".

Sulla copertina del suo ultimo album, "In the hour", uscito lo scorso anno, il cantante appare con il volto tumefatto:

"Non volevo essere attraente, per me non è importante. Mi interessava più avere una narrazione".

Nelle scorse settimane The Weeknd è tornato sulla polemica legata alla sua esclusione dai Grammy Awards, i premi musicali più ambiti. Dopo aver puntato il dito contro gli organizzatori, il cantante ha detto: "Onestamente non me ne frega più niente. Ho tre Grammy e ora non so cosa farmene. Mi fa schifo pure affrontare la questione. Voglio dimenticare i premi".
The Weeknd si consolerà esibendosi da protagonista durante l'halftime show del Super Bowl, la finale del campionato della National Football League, in programma questa domenica, 7 febbraio, al Raymond James Stadium di Tampa, in Florida.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.