Rockol Awards 2021 - Vota!

JMSN: un artista da conoscere

Christian Berishaj - questo il nome all’anagrafe del cantautore - ha recentemente pubblicato il singolo natalizio ‘Christmas time is here’. Ecco la storia dell’artista nato a Dallas e alcuni brani per conoscerlo
JMSN: un artista da conoscere

Ci sono artisti che, più di altri, amano - tra le altre cose - condividere con i fan playlist contenti i loro brani preferiti e far conoscere al proprio pubblico cantanti o musicisti che sono per loro fonte d’ispirazione. Anni fa Corrado Grillo, in arte Mecna, ha inaugurato la sua personale selezione musicale, intitolata “Buongiorno così” (disponibile su Spotify a questo link). Uno dei brani inclusi nella playlist nel 2014 è stato “The one” di JMSN (si pronuncia Jameson), tratto dall’EP “Pllajë”, pubblicato dall’artista statunitense nel novembre del 2013, più di un anno dopo l’uscita del suo album di debutto. 

Indipendentemente dal fatto che sia davvero merito della voce di "Pace" se la musica del cantautore nato a Dallas, in Texas, è riuscita ad arrivare alle orecchie di ascoltatori italiani, il nome di JMSN, stimato non solo dal rapper pugliese ma anche da, tra gli altri, Usher - che a margine di un’intervista rilasciata nel 2012 all’NME lo ha descritto come uno dei suoi artisti emergenti preferiti - è sempre rimasto un po' di nicchia. Nonostante ciò, attraverso i suoi lavori, caratterizzati da sonorità R&B, spunti elettronici e richiami soul, Christian Berishaj - questo il nome all’anagrafe del cantautore - è sempre riuscito a confermare a pieno le sue doti di autore, compositore e producer, diventando uno degli artisti più interessanti del panorama musicale indipendente.

Con all’attivo cinque album in studio pubblicati sotto lo pseudonimo di JMSN, lo scorso 27 novembre Berishaj è tornato con un nuovo singolo, la canzone natalizia “Christmas time is here”. Il brano, accompagnato dal video diretto da Sebastian Maldonado e riportato più avanti, ha segnato il ritorno di JMSN dopo un silenzio discografico durato un anno e dopo essere stato assente sui social per diversi mesi.

Le prime esperienze di Christian Berishaj

Nato nel 1987 a Dallas, in Texas, da genitori albanesi e cresciuto a Eastpointe, nel Michigan, Christian Berishaj ha iniziato a suonare la chitarra in quarta elementare e si è avvicinato al mondo di Pro Tools all’età di dodici anni. Dopo aver imparato a suonare altri strumenti e ad aver tenuto le prime performance live con la sua band (Snowhite), a 18 anni Christian - ormai di stanza a Detroit - ha scritto e registrato l’album “Love arcade”, che gli ha assicurato un contratto discografico con l’Atlantic Records. Successivamente il suo trasferimento da Detroit a Los Angeles, Berishaj ha pubblicato, sotto lo pseudonimo di Christian TV, la canzone "1, 2, 3, Turn Around” - inclusa nella colonna sonora del film “Fired Up! - Ragazzi pon pon” del 2009 - e ha firmato un accordo con la Universal Motown Records.

I primi lavori di JMSN e il progetto parallelo Pearl

Dopo aver fondato la sua etichetta, la White Room Records, e aver adottato il nome d’arte JMSN, Christian ha iniziato a lavorare sul suo album di debutto, allontanandosi dalle sonorità pop che in precedenza avevano caratterizzato i suoi lavori per abbracciare influenze R&B. La pubblicazione del disco d’esordio di JMSN, intitolato “Priscilla”, autoprodotto e pubblicato nel gennaio del 2012 - il cui “terreno sonoro” è stato paragonato a quello di The Weeknd da Tim Jonze in un articolo pubblicato sul Guardian relativo alla musica R&B del 2012 - è stata anticipata dai video, diretti dallo stesso Christian Berishaj, dei brani “Alone" e “Hotel”, e accompagnata dalla clip di “Something”.

Nello stesso anno l'artista ha collaborato con - tra gli altri - The Game all'album "Jesus Piece".

Di seguito è riportato il filmato, diretto da Stephen Mallett, di “Love & Pain” dall’album “Priscilla”, di cui JMSN ha detto: “Penso che questo video sia stato realizzato per mostrare i diversi aspetti che costituiscono la vita. Spiritualità / obiettivi, adolescenza / innocenza e connessione / intimità”.

All’esordio discografico di JMSN hanno fatto seguito l’Ep “Pllajë”, uscito nel 2013 - anno in cui ha collaborato con, per esempio, Tyga al disco "Hotel California" - e l'album “JMSN (Blue Album)”, pubblicato nel dicembre del 2014 e presentato dal vivo anche in Italia, in occasione di un concerto andato in scena il 7 aprile 2015 al Biko di Milano. A ottobre dell’anno successivo Christian Berishaj è tornato a esibirsi nello stesso locale milanese che ha ospitato la sua prima epifania tricolore, per presentare la sua terza prova lunga distanza, “It is”, arrivato sui mercati a maggio 2016. Nel disco, anticipato dal singolo “Cruel intentions” - uno dei brani più belli pubblicati da JMSN nel corso della sua carriera - e caratterizzato da influenze jazz, 

Pochi mesi dopo l’uscita del terzo album presentato a nome JMSN, Berishaj ha pubblicato il primo lavoro discografico sotto il moniker Pearl, intitolato “Closer”. Il disco del progetto parallelo dell’artista statunitense - descritto sul sito della sua etichetta come “Alias alternativo di JMSN; uno sbocco attraverso il quale vengono esplorati nuovi concetti, sia sonori che emotivi. Pearl è un progetto in corso con l'obiettivo di creare musica libera da inibizioni o restrizioni di qualsiasi tipo. Pearl è in libertà” - include 10 tracce, tra cui “Turnin' tricks” realizzata in collaborazione con la fidanzata Alexa Demie (cantante e attrice, tra le protagoniste della serie televisiva “Euphoria” e del film “Mainstream” di Gia Coppola del 2020). 

Nell’aprile del 2017 ha visto la luce il quarto album in studio di JMSN, “Whatever makes u happy” (la cui copertina è l’immagine di questo articolo), anticipato dai brani “Drinkin’” e “Where do u go”, descritto da Elias Leight di Pitchfork come “un modesto successo” e seguito subito l’anno dopo dal disco “Velvet”.

Poco prima di far perdere le sue tracce sui social e ritirarsi in un silenzio inusuale, conclusosi lo scorso mese con la pubblicazione del singolo natalizio “Christmas time is here”, nel novembre del 2019 JMSN ha dato alle stampe l’album dal vivo “Live Atwater Village”, registrato da Berishaj, accompagnato dalla sua band al completo e da un quartetto d’archi, presso il Club Tee Gee di Los Angeles. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.