Il rapper G Herbo arrestato con 14 capi d'accusa

Il 25enne rapper di Chicago fa parte di una banda che ha a capo il suo manager.
Il rapper G Herbo arrestato con 14 capi d'accusa

Il rapper di Chicago G Herbo è stato arrestato con 14 capi d'accusa riguardanti il furto di identità aggravato e la cospirazione per commettere frodi telefoniche, questo quanto riporta la testata statunitense Chicago Tribune. Il piano criminoso, che ha fruttato 1,5 milioni di dollari, è in essere da quattro anni a questa parte ed è stato utilizzato per noleggiare jet privati, prenotare vacanze e acquistare, non ultimi, anche due cuccioli di razza.

Il 25enne musicista di Chicago, il cui vero nome è Herbert Wright III, non è l'unica persona coinvolta nel malaffare. Si presume che a capo della 'banda' ci sia il suo manager Antonio 'T-Glo' Strong, stando ai documenti del tribunale redatti dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Robert Dow. Oltre a Herbo e al manager sono state accusate altre quattro persone: il rapper Joseph 'Joe Rodeo' Williams e Terrence Bender, Steven Hayes Jr. e Demario Sorrells. Su tutti pende il medesimo capo d'accusa di G Herbo, Strong ha un ulteriore addebito per frode telematica.

Il piano criminoso a prima vista appare piuttosto semplice e non particolarmente articolato. Il gruppo ha utilizzato carte di credito rubate e altre informazioni personali raccolte dal 'dark web', che solitamente è sinonimo di "non nella prima pagina dei risultati di Google". I truffatori si inviavano queste informazioni elettronicamente, con parole in codice come "moves" e "joints" e spesso anche solo "cards". I numeri di carta di credito così venivano passati da una persona della ghenga all'altra, a volte dopo che una persona aveva già avviato una transazione.

I cuccioli sono stati acquistati nel 2017 da un rivenditore del Michigan. Secondo quanto riportato, Strong ha contattato il negozio di animali per conto di G Herbo, usando il nome "Darren Geiger". Il negozio ha richiesto un messaggio all'account Instagram di G Herbo, nello stesso istante Strong inviava un messaggio al musicista nel quale scriveva, "Sbrigati, manda un messaggio". Herbo ha poi confermato che "voleva due cuccioli".

Le carte di credito rubate sono state utilizzate anche per acquistare voli diretti in Florida, New York, New Jersey, Texas e California. I malfattori hanno inoltre prenotato hotel e pagato cene, talvolta con chef personale. Una delle truffe più costose, sempre nel 2017, ha riguardato un soggiorno di una settimana in una villa in Giamaica. Altre volte, l'entourage del rapper ha noleggiato auto di lusso, tra queste una Bentley CGTC e una Maybach S600. L'impresa più recente del gruppo è stata messa in atto lo scorso 4 settembre, quando hanno pagato in maniera truffaldina alcune stanze in un hotel di Chicago.

Il rapper ha al suo attivo quattro album: "Humble Beast" (2017), "Swervo" (2018), "Still Swervin'" (2019) e "PTSD" (2020) che ha raggiunto il settimo posto della classifica di vendita statunitense.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.