Elezioni Usa, John Legend deride Trump ma viene preso di mira dai fan

Sul tema intervengono anche la star dell'r&b a stelle e strisce Erykah Badu e Rihanna.
Elezioni Usa, John Legend deride Trump ma viene preso di mira dai fan

John Legend, Erykah Badu e Rihanna. Tre artisti simbolo della musica black statunitense intervengono sul tema delle elezioni Usa, mentre prosegue lo spoglio per decretare il nuovo presidente, con il democratico Joe Biden che secondo i conteggi dell'agenzia statunitense Associated Press sarebbe vicinissimo a tagliare il traguardo dei 270 voti dei grandi elettori necessari per vincere (gliene mancano 6, mentre il tycoon è fermo a 214), e montano le polemiche scatenate da Donald Trump, che ha accusato i democratici di aver rubato voti.

Il cantante di "All of me", che è nato a Springfield, in Ohio (lì Trump ha ottenuto oltre 3 milioni di voti, contro i 2,6 di Biden), ha deriso Trump sui social ricondividendo il tweet con il quale il presidente ha rivendicato la vittoria in stati come la Pennsylvania, la Georgia, il North Carolina e il Michigan. Lo spoglio è ancora in corso e in uno di questi stati, il Michigan, la vittoria è stata già assegnata - secondo l'Associated Press - a Joe Biden, con oltre un milione di voti in più di Trump. E infatti il tweet di quest'ultimo è stato segnalato dal social network, perché contiene notizie non confermate. Legend ha dunque invitato i suoi fan a twittare bugie. Ma il tweet è stato preso di mira dai fan e dai sostenitori del tycoon, che hanno accusato il cantante di essere un proselito dei democratici.

Erykah Badu, originaria di Dallas, in Texas (altro stato in cui Trump ha ottenuto un numero importante di voti in più rispetto a Biden: 5,8 milioni per il repubblicano, 5,2 per il democratico) rivendica l'importanza che ha svolto la musica, soprattutto quella hip hop, in questi ultimi mesi, segnati da non poche tensioni. Ai microfoni di Apple Music, ha fatto sapere di aver intervistato sostenitori dei repubblicani e sostenitori dei democratici per un documentario prima dell'election day. "Li ho sfidati ad ascoltare una canzone, durante l'intervista. Era 'Hold it now, hit it' dei Beastie Boys. Indipendentemente dalla loro appartenenza politica, ascoltando quel pezzo hanno tutti condiviso l'idea alla base del pezzo: unendoci possiamo cambiare le cose".

Rihanna, che in passato ha più volte attaccato Donald Trump, arrivando a definire l'attuale presidente "la persona più insana degli Stati Uniti d'America", dopo il polemico intervento a Trump, che ha accusato i democratici di aver rubato i voti, e dopo quello di Joe Biden, che ha invitato i suoi sostenitori ad essere pazienti e ad attendere la conclusione dello spoglio prima di trarre tutte le conclusioni del caso, ha twittato: "Contate - ogni - singolo - voto - aspetteremo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
10 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.