Guarda i Black Sabbath suonare "Paranoid" prima del successo

Nell'agosto 1970 doveva ancora uscire il secondo album della band inglese, quello della consacrazione.
Guarda i Black Sabbath suonare "Paranoid" prima del successo

Al giorno d'oggi sappiamo bene che "Paranoid" dei Black Sabbath è una delle più grandi canzoni heavy metal di sempre, ma non è sempre stato così. Quando la band di Birmingham suonò al festival Jazz Bilzen in Belgio il 21 agosto 1970, il loro brano non era ancora entrato in classifica ed era relativamente sconosciuto ai molti. Si può solo immaginare quale fosse lo sconcerto (oppure no, chissà...) del pubblico accorso alla manifestazione belga per godere di Cat Stevens, i Kinks e Dizzie Gillespie, ascoltare Ozzy Osbourne mentre urla di follia, depressione e pensieri suicidi su un riff micidiale creato da Tony Iommi.

"Paranoid" venne buttata giù in poco più di mezz'ora unicamente con lo scopo di aggiungere altri tre minuti al loro secondo album, che ha compiuto cinquanta anni lo scorso 18 settembre. In origine Ozzy Osbourne e kil bassista Geezer Butler non volevano usare quel riff – ora passato alla storia - perché lo consideravano una scopiazzatura dei Led Zeppelin.

Come ebbe modo di ricordare Butler: "Io e Ozzy pensavamo che fosse troppo vicino simile a "Communication Breakdown" dei Led Zeppelin. Abbiamo sempre amato gli Zeppelin in quei giorni, seduti per terra a fumare droga e ad ascoltare quel primo album. Quindi, quando Tony ha inventato il riff di "Paranoid", io e Ozzy lo abbiamo notato immediatamente e abbiamo detto, 'Noooo, non possiamo farlo!' In effetti, abbiamo finito per litigare. Indovina chi si sbagliava?"

Mentre questo è il racconto di Ozzy Osbourne: "Ricordo di essere tornato a casa e di avere detto alla mia moglie di allora: 'Penso che abbiamo scritto un singolo'. Lei disse: 'Ma voi non scrivete singoli'. Io le risposi: 'Lo so, ma questo mi ha fatto impazzire sul treno per tutto il viaggio'".

"Paranoid" raggiunse la posizione numero quattro nella classifica dei singoli del Regno Unito il 29 agosto 1970. L'eponimo album, "Paranoid" (leggi qui la nostra recensione), divenne l'unico album dei Black Sabbath a raggiungere la posizione numero uno degli anni Settanta un mese più tardi. Lo scorso 9 ottobre, in occasione del 50esimo anniversario dall'uscita del disco ne è stata pubblicata una edizione super deluxe.

Dall'archivio di Rockol - Paranoid, Il capolavoro dei Black Sabbath
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.