Smash Mouth: c'è il primo morto da Coronavirus dopo lo Sturgis Motorcycle Rally

L'evento si è tenuto in South Dakota poco meno di un mese fa.
Smash Mouth: c'è il primo morto da Coronavirus dopo lo Sturgis Motorcycle Rally

Il 9 agosto scorso al grido di "Vaffanculo al COVID" centinaia di migliaia di persone si sono radunate - senza mascherina e senza seguire le regole dettate dal distanziamento sociale - allo Sturgis Motorcycle Rally negli Stati Uniti, nello stato del South Dakota, dove, tra le altre iniziative - come ad esempio l'Air Sex World Championship nel quale vince chi simula meglio un orgasmo - si sono esibite in concerto diverse band: Smash Mouth, Trapt, Buckcherry, Drowning Pool, Night Ranger, Reverend Horton Heat, Lit, 38 Special, Quiet Riot e Big Skillet.

Variety riportò che vennero segnalati oltre cento casi (ora pare che siano quasi trecento) di coronavirus negli stati americani di South Dakota, Minnesota, Wisconsin, Nebraska, Montana, North Dakota, Wyoming e Washington riconducibili ai giorni dello Sturgis Motorcycle Rally. Ora il New York Times riferisce che un uomo residente in Minnesota è la prima vittima ad essere morta a causa del coronavirus dopo aver partecipato alla manifestazione. Alcuni funzionari sanitari statali hanno confermato che l'uomo aveva una sessantina di anni ed è stato ricoverato in ospedale prima di morire.

Prima del primo agosto, la contea di Meade, che include la cittadina di Sturgis, aveva segnalato 71 casi di coronavirus nei primi sei mesi della pandemia. Questa cifra è salita a 305 al primo settembre, secondo il Dipartimento della Salute dello Stato.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.