Foo Fighters, Taylor Hawkins sull'emergenza Covid negli USA: 'C'è un mucchio di gente col culo per terra'

'I miei problemi sono se prendere il sole o andare a fare un giro in bicicletta ma, purtroppo...'
Foo Fighters, Taylor Hawkins sull'emergenza Covid negli USA: 'C'è un mucchio di gente col culo per terra'

Il batterista dei Foo Fighters Taylor Hawkins è stato intervistato dall'emittente radiofonica australiana Triple M: nel corso della chiacchierata con il conduttore Brendo, oltre che a parlare dei venticinque anni di attività della band capitanata dal già batterista dei Nirvana Dave Grohl, il musicista ha fatto il punto sulla grave emergenza sanitaria che sta ancora colpendo molto duramente gli Stati Uniti.

"E' stata una metà dell'anno decisamente strana, alla fine: oggi come oggi, mi sa che siamo in ballo già da sei mesi", ha detto Hawkins: "Mi sento in colpa nel dire di stare bene: per il momento sto tenendo botta. Ma in America c'è un sacco di gente col culo per terra. Non sto parlando di essere positivi al Covid, ma di rispondere alla domanda 'cosa darò da mangiare ai miei figli, oggi?'. Io sono talmente fortunato da non pormi del tutto domande del genere. I miei problemi sono scegliere se prendere il sole, andare a fare surf o fare un giro in mountain bike".

"Per quanto mi riguarda, è tutto ok", ha concluso Hawkins: "La mia famiglia è con me, quindi sto bene. Se sono ancora un po' pazzo? Certo che lo sono. Tutti lo siamo. Ma allo stesso tempo devi anche essere capace di superare certe cose, e renderti conto di quanto tu sia fortunato".

I Foo Fighters sono stati costretti a cancellare il tour celebrativo per il venticinquesimo anniversario della fondazione a causa delle restrizioni adottate per contenere la pandemia da Coronavirus: la serie di eventi, che avrebbe dovuto toccare anche Milano, è stata rinviata al prossimo anno - compresa la data nel capoluogo lombardo, programmata per il 12 giugno 2021. Il leader del gruppo, dal canto suo, ha fatto sapere in una recente intervista a Kerrang di avere ultimato i lavori al nuovo album di inediti in studio, ideale successore di "Concrete And Gold" del 2017: "Cazzo, sono molto fiero di quello che abbiamo fatto", ha spiegato Grohl, "E' una cosa che non abbiamo mai fatto prima. Non vedo l'ora che la gente lo senta e di saltare su un palco a suonarlo. In questo disco ci sono cori con cinquanta cazzo di persone che cantano: sono momenti che uniscono i cuori di chi ascolta. Ecco di cosa si tratta".
 

Dall'archivio di Rockol - Forme e colori dei Foo Fighters
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
12 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.