Iran: metal band condannata a 15 anni di prigione

Gli Arsames sono accusati di suonare musica satanica.
Iran: metal band condannata a 15 anni di prigione

Un'altra band iraniana è stata arrestata, nel proprio paese, per suonare heavy metal. Secondo quanto riportato da Metal Injection, il mese scorso, come recitano alcuni documenti ufficiali del governo dello stato asiatico, gli Arsames sono stati arrestati e rischiano "15 anni di prigione per militare in una band metal satanica contro il governo islamico". I componenti degli Arsames attualmente sono in attesa di processo. Il loro Bandcamp riporta che la band si è formata nel 2002 in un paese dove "la loro musica è vietata".

La vicenda degli Arsames ricorda da vicino quella dei Confess, un'altra metal band iraniana che, lo scorso anno, è stata condannata a 74 frustate e a complessivi 14 anni e mezzo di prigione dal tribunale della rivoluzione di Teheran. I Confess sono stati accusati di blasfemia, di insultare la santità dell'Islam, di disturbare l'opinione pubblica con la produzione di musica contenente testi anti-regime dai contenuti offensivi, per aver rilasciato interviste ai media dell'opposizione e insultato il leader supremo e il presidente.

Nel 2015, due membri dei Confess - Nikan 'Siyanor' Khosravi e Arash 'Chemical' Ilkhani - furono arrestati dall'esercito dei guardiani della rivoluzione islamica. Mentre erano in libertà su cauzione, Khosravi e Ilkhani fuggirono dall'Iran e trovarono asilo in Norvegia, il luogo dove risiedevano quando, lo scorso anno, furono condannati a carcere e frustate.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.