Pink Floyd, Alan Parsons rivela: 'Ecco perché smisi di collaborarci'

Il leader degli Alan Parsons Project rivela perché la collaborazione con Roger Waters e soci si interruppe dopo "Atom heart mother" e "The dark side of the moon".

Pink Floyd, Alan Parsons rivela: 'Ecco perché smisi di collaborarci'

Senza il suo tocco, forse, album come "Atom heart mother" e "The dark side of the moon" avrebbero avuto un suono leggermente diverso. Non si pensi che il contributo dell'ingegnere del suono, nelle lavorazioni dei dischi, sia meno importante rispetto a quello del produttore. La collaborazione tra i Pink Floyd e Alan Parsons avrebbe potuto rinnovarsi, dopo l'album del 1970 e quello del 1973, anche per un altro disco della band britannica destinato ad entrare nel cuore dei fan: "Wish you were here". Non fu così. Quando Roger Waters e soci si ripresentarono da Parsons, che prima di collaborare come ingegnere del suono con i Pink Floyd aveva messo mano ad "Abbey Road" dei Beatles (e dopo aver prodotto i Pilot, Cockney Rebel e Al Stewart avrebbe fondato nel 1975 i suoi Alan Parsons Project), questi si rifiutò di tornare a lavorare per il gruppo.

Il motivo lo ha spiegato lo stesso Parsons in un'intervista rilasciata durante un festival virtuale organizzato da Sweetwater, rivenditore online di strumenti musicali e apparecchiature audio professionali negli Stati Uniti:

"Fu una decisione difficile. I Pink Floyd mi fecero un'offerta generosa, ma avevo appena avuto un singolo nella top 10 del Regno Unito come produttore. Così risposi che mi ero stancato di lavorare come ingegnere del suono per i Pink Floyd e che avrei portato avanti la mia carriera da produttore".

Il leader degli Alan Parsons Project ha poi aggiunto:

"Ebbi un incredibile successo nel Regno Unito, con due singoli consecutivi al primo posto della classifica dei singoli. Mi sembrava di fare la scelta giusta, rifiutando quel lavoro per i Pink Floyd. Mi offrirono un lavoro come ingegnere del suono a tempo pieno in studio e dal vivo. Lo rifiutai, ma era la cosa giusta da fare". 

I due singoli da produttore di Alan Parsons al numero 1 nella UK chart nel 1975 sono “January” dei Pilot - numero 1 il 18 gennaio - e “Make me smile (Come up and see me)” dei Cockney Rebel, numero 1 l’8 febbraio. Ecco gli audio da YouTube.

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.