Enzo Jannacci, l'album del 1966: "Sei minuti all'alba"

Il terzo album di inediti della carriera del cantautore milanese
Enzo Jannacci, l'album del 1966: "Sei minuti all'alba"

Nel 1964 avevo undici anni.

Non compravo ancora dischi. Quindi non so quando posso aver acquistato i tre LP che Enzo Jannacci pubblicò con la Joker nel 1964, 1965 e 1966. Probabilmente li avrò comprati alla Standa di Piazza Vittoria a Brescia, dove c’era un buon assortimento di dischi economici (i long playing della Joker costavano mille lire, in un’epoca in cui gli album andavano sulle tremilacinquecento lire). Del resto, Jannacci l’avevo incontrato, come molti, grazie a “El purtava i scarp del tenis”: una canzone dall’andamento vivace ma drammaticissima, una storia di emarginazione metropolitana dal finale tragico che mi raccontava di una Milano di periferia (l’Aeroporto Forlanini, l’Idroscalo.) che allora non pensavo certo avrei conosciuto molto bene negli anni a venire. Ma forse quei tre dischi li avrò comprati dopo che Jannacci, nel 1968, ottenne il primo grande successo popolare con “Vengo anch’io? No, tu no”, un 45 giri RCA che ancora conservo.
Comunque. Quei tre dischi, ascoltati e riascoltati e riascoltati su una fonovaligia di “Selezione del Reader’s Digest”, e che quindi ora sono tutto un graffio e una riga e un fruscìo (per le moltissime volte che sono girati sul piatto), furono una scoperta, una folgorazione: c’era una città vicina alla mia che non conoscevo, una città in cui si parlava un dialetto che assomigliava abbastanza al mio, una città in cui un signore che si era laureato in medicina scriveva e cantava canzoni struggenti e meravigliose, pezzi di vita di gente qualsiasi, con una voce che mi metteva i brividi, con parole che mi commuovevano e mi facevano ridere. Quei tre dischi, che ancora possiedo e che conservo gelosamente, sono stati sicuramente un passaggio fondamentale nella mia educazione alla canzone diciamo così d’autore, ma anche alla canzone popolare. “La Milano di Enzo Jannacci”, 1964; “Enzo Jannacci in teatro”, 1965; “Sei minuti all’alba”, 1966.
Oggi vi propongo di ascoltare le canzoni di quest'ultimo (Franco Zanetti)

Sei minuti all'alba

Soldato Nencini

E io ho visto un uomo

La Balilla

Faceva il palo

Dona che te durmivet

Cosa portavi bella ragazza

Chissà se è vero

L'appassionata

E savé

L'è tri dì

Ho soffrito

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.