Adriano Celentano, la storia di “Il tuo bacio è come un rock”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.

Adriano Celentano, la storia di “Il tuo bacio è come un rock”

“Il tuo bacio è come un rock”: 1958, A.Celentano - P.Vivarelli - L.Fulci - E.Leoni, Ed. Mascotte

In un'intervista del 1959 a “Novella 2000”, Celentano tentò di spiegare la sua fulminea ascesa. "Ho cominciato con le imitazioni. Allora il rock'n'roll era una novità e se qualcuno lo cantava aveva successo anche se lo cantava male. Io imitavo Bill Haley per scherzare, con gli amici, in una sala da ballo in viale Zara. Avevo l'impostazione, ma per il resto ero tutto squadrato. Ma intanto la voce si spargeva, che io cantavo il rock'n'roll…".

Il suo primo disco, 'Rip it up', aveva venduto circa millecinquecento copie sull'onda dell'exploit al Primo Festival Nazionale del Rock'n'Roll, organizzato da Bruno Dossena al Palazzo del Ghiaccio di Milano (1957). Le incisioni successive, anch'esse prese a prestito da successi di Elvis Presley, non erano andate molto meglio. Walter Gurtler, padrone della etichetta SAAR, cominciava a temere che la giovane promessa del rock italiano non avrebbe mai sfondato. Fu molto importante l'incontro con Piero Vivarelli, coautore di 'Il tuo bacio è come un rock': "Adriano era un po' una mia personale scoperta. Lo volli nel film 'I ragazzi del juke-box', di cui avevo scritto la sceneggiatura assieme a Ugo Pirro, Vittorio Vighi e Lucio Fulci che ne era anche il regista. Quando lo chiamammo a Roma, Celentano aveva inciso per Walter Gurtler alcuni dischi di cui si erano vendute ben poche copie - ma era indiscutibilmente un personaggio cui dar credito. Fu proprio per quel film che facemmo insieme 'Il tuo bacio è come un rock' (la cui musica era stata scritta, sia detto per inciso, non da Adriano come molti credono ma da suo fratello Alessandro). Gurtler, bruciato dai 45 giri precedenti, non voleva fargli incidere il disco e mi toccò supplicarlo in ginocchio. Poi ne vendette oltre trecentomila copie e fu lì che nacque un mito che ancora dura".

Il boom di Celentano avviene al Festival di Ancona, il 13 luglio 1958. Come racconta Enrico Simonetta nella biografia 'Celentano' (Baldini & Castoldi), quella sera d'estate "E' in pieno svolgimento una delle tante kermesse canore di questo invidiabile paese. Gurtler, che ha convinto il recalcitrante Adriano a partecipare, attende tremulo tra le quinte ma già pregusta l'esplosione. La tv trasmette lo spettacolo in ripresa diretta. Adriano, arrivato in città con la sua Giulietta carica di amici, è calmissimo. Alle 22 e 50 precise oltre dieci milioni di telespettatori vengono colti dal più irrefrenabile degli entusiasmi per lo scatenato giovanotto che prende a chitarrate 'Il tuo bacio è come un rock'. Adriano stravince il festival e ottiene anche il secondo posto. Più tardi, con l'amabile sfrontatezza del trionfatore, dirà che se avesse potuto cantare tre canzoni anziché due, avrebbe ottenuto anche il terzo. (…) In una settimana 'Il tuo bacio è come un rock' tocca le trecentomila copie. Da caso milanese, il giovanotto diventa caso nazionale, il suo volto di mansueto gorilla è entrato di prepotenza nei bar e nei tinelli di tutta la penisola, il suo cognome è già familiare. Da quel fatidico tredici luglio Adriano comincia a ricevere cinquecento lettere al giorno, che poi aumenteranno. Alla fine del 1959, Federico Fellini lo chiama perché interpreti se stesso ne 'La dolce vita'".

Sembra che l'Italia non aspetti altro: si ricordi che in pochi mesi è passata da 'Corde della mia chitarra' di Claudio Villa (1957) a un panorama che vede scalpitare Renato Carosone, Fred Buscaglione, la giovanissima e incontenibile Mina, e il trionfatore di Sanremo 1958, 'Mr. Volare' - ovvero, Domenico Modugno. 'Il tuo bacio è come un rock', come ha scritto Mario Luzzatto Fegiz sul “Corriere della Sera”, rappresenta "la scossa, il brivido, l'esplosione. Sono sessanta travolgenti secondi in stile fumetto con parole come knock out, shock, swing, ring".

A quanto pare, la canzone ha superato per pura fortuna una serie di ostacoli: inizialmente era stata esclusa dalle selezioni del festival di Ancona dal Maestro Gianni Ferrio, che l'aveva giudicata una "canzone squadrata". Secondo il Dizionario della Canzone Italiana (elleu multimedia), la spiegazione stava nel fatto che Vivarelli aveva adattato la metrica di un brano inizialmente intitolato 'Torna a Capri mon amour' in modo da consentire a Celentano di fare il maggior numero possibile dei suoi movimenti "molleggiati". In seguito Celentano lavorò ancora con soddisfazione con Fulci e Vivarelli, e sempre per questioni di baci o di film: "'24.000 baci', ad esempio, avrebbe in qualche modo dovuto essere inserita nel primo film ad me diretto, ambientato al Festival del 1960 e intitolato 'Sanremo la grande sfida'. Un filmetto, devo dirlo, senza capo né coda. Invece la canzone fu addirittura iscritta al Festival", ha concluso Vivarelli (da "La grande evasione", a cura di Gianni Borgna, Savelli Editore, 1979).

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Eri piccola così” di Fred Buscaglione.

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Morandi-Ruggeri-Tozzi, la storia di “Si può dare di più”

Sergio Caputo, la storia di “Un sabato italiano”

Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

Pooh, la storia di “Pensiero”

Heather Parisi, la storia di “Disco bambina”

Orietta Berti, la storia di “Fin che la barca va”

Adriano Celentano, la storia di “Soli”

Loredana Berté, la storia di “Sei bellissima”

Adriano Celentano, la storia di “Svalutation”

Adriano Celentano, la storia di “Prisencolinensinainciusol”

Umberto Tozzi, la storia di “Ti amo”

Pooh, la storia di “Dammi solo un minuto”

Rosanna Fratello, la storia di “Sono una donna non sono una santa”

Umberto Tozzi, la storia di “Gloria”

Adriano Celentano, la storia di “Chi non lavora non fa l'amore”

Marcella Bella, la storia di “Montagne verdi”

Adriano Celentano, la storia di “Yuppi du”

Cochi e Renato, la storia di “E la vita, e la vita”

Oscar Prudente, la storia di “Stadium”

Adriano Celentano, la storia di “Mondo in mi7”

Caterina Caselli, la storia di “Nessuno mi può giudicare”

Adriano Celentano, la storia di “Il ragazzo della via Gluck”

Adriano Celentano, la storia di “Una carezza in un pugno”

Mina, la storia di “Una zebra a pois”

Adriano Celentano, la storia di “La coppia più bella del mondo”

Camaleonti, la storia di “L'ora dell'amore”

Don Backy, la storia di “L'immensità”

Mina, la storia di “La voce del silenzio”

Caterina Caselli, la storia di “Insieme a te non ci sto più”

Mario Tessuto, la storia di “Lisa dagli occhi blu”

Riccardo Del Turco, la storia di “Luglio”

Adriano Celentano, la storia di “Storia d'amore”

Gigliola Cinquetti, la storia di “Non ho l'età”

Adriano Celentano, la storia di “Azzurro”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.