Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.

Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

“Caffè nero bollente”: 1981 - A.Coggio - R.Davini - M.Cavallo - Suvini Zerboni/Calicantus

Nonostante una carriera di cantante più che decennale, iniziata nel 1967 al Festival di Castrocaro, nel 1981 Fiorella Mannoia non è un nome noto al grande pubblico. Il successo, nonostante un vago riscontro radiofonico per il 45 giri "Scaldami" e il discreto successo del brano "Pescatore", nel quale è ospite di Pierangelo Bertoli, sembra lontano - non a caso la Mannoia affianca all'attività di cantante quella di controfigura cinematografica (per Monica Vitti e Candice Bergen) e modella.

Quando nel 1981 partecipa al Festival di Sanremo, deve farlo nella sezione "Giovani", con un brano scritto da Antonio Coggio, Roberto Davini e Mimmo Cavallo. "Caffè nero bollente" si rivela il pezzo più adatto alla sua personalità: Fiorella dà voce a una donna inquieta e insoddisfatta, rabbiosa nel cantare le strofe, in preda a una sottile angoscia nel ritornello. Il testo è decisamente audace, per l'epoca: "Io come Giuda so vendermi nuda: da sola sul letto, mi abbraccio, mi cucco (…) non ho bisogno delle tue mani, mi basto da sola". L'autoerotismo, già protagonista del brano "L'America" lanciato l'anno precedente da Gianna Nannini, irrompe con decisione sul palco di Sanremo. "Con quest'inno alla masturbazione e al separatismo femminile le distanze dai vecchi Festival di Nilla Pizzi ma anche di Betty Curtis diventano abissali, incolmabili" ("Storia della Canzone Italiana, Gianni Borgna, edito da Mondadori).

Autore del testo, su musica di Rosario De Cola, è Mimmo Cavallo, cantautore napoletano che ha ottenuto un certo successo alla fine degli anni '70 con "Siamo meridionali" e "Uh mammà". Gradualmente convertitosi in autore (ad esempio per Mia Martini e Gianni Morandi), Cavallo ha scritto per Fiorella Mannoia anche "Canto contro".

Negli anni successivi l'interprete romana prenderà le distanze da questa fase del suo percorso artistico e dalle relative canzoni; "Caffè nero bollente" verrà pertanto esclusa dal suao repertorio. Ecco la spiegazione in questa intervista del 1992 al "Corriere della Sera": "Quello è un periodo molto lontano e che io certamente non rinnego anche se non mi sento ancora pronta a portare sul palco quelle atmosfere. Quando ho iniziato a cantare ero giovanissima e non riuscivo a capire molto bene cosa succedeva intorno a me, non c'erano progetti precisi". Solo alla fine del decennio la Mannoia si riconcilierà con la canzone, non di rado utilizzata in alcuni casi come brano d'apertura dei concerti.

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Pensiero” dei Pooh

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Morandi-Ruggeri-Tozzi, la storia di “Si può dare di più”

Sergio Caputo, la storia di “Un sabato italiano”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Dall'archivio di Rockol - racconta "Personale": la videointervista
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.