Paul McCartney e quel plettro sulla tomba di Elvis

Nel maggio del 2013, Macca è andato a fare visita a Graceland...
Paul McCartney e quel plettro sulla tomba di Elvis

Il sempre attivo – nelle scorse settimane vi avevamo segnalato un aneddoto relativo all’incontro tra Presley e i Led Zeppelin - account di Graceland, la tenuta di Elvis, dove si trova anche la tomba del Re del rock and roll, ha ricordato qualche giorno fa la volta in cui Mr. Paul McCartney, il 26 maggio di sette anni fa, è andato a fare visita alle spoglie di Elvis, facendo tappa a Graceland nel corso del suo “Out There” tour. La tournée, durata da maggio 2013 a ottobre 2015, si è fermata anche a Memphis, dove Macca è andato in scena al FedExForum e dove si trova Graceland, luogo culto per i fan dell’ancheggiante cantante dalla fine degli anni Settanta gestito dalla figlia di Elvis Lisa Marie Presley. Si legge sull’account della tenuta del Tennessee che quel 26 maggio 2013 il polistrumentista di Liverpool ha reso onore a Elvis Aaron Presley lasciando sulla tomba dell’artista uno dei suoi plettri, “così Elvis potrà suonare in cielo”. Scrive ancora visitgraceland, ricordando la visita di McCartney: “Ha anche suonato un po’ la chitarra Gibson J200 del 1956 di Elvis”.

Il rapporto tra Elvis e i Beatles non è andato così liscio negli anni. Qualche anno dopo l’incontro tra i Fab Four e Presley avvenuto nella casa di quest’ultimo a Los Angeles, incontro che ha visto i Beatles restare letteralmente pietrificati, e dunque ammutoliti, per l’emozione, fino a quando lo stesso Elvis avrebbe rotto il ghiaccio con uno scherzo, qualche anno dopo, dicevamo, il King del rock and roll si è riferito, in occasione della sua visita all’allora presidente Nixon alla Casa Bianca, ai Beatles tacciandoli di essere anti-americani, specie per l’utilizzo di droghe da parte del gruppo. L’episodio non è ovviamente risultato gradito al quartetto. Anni dopo McCartney ha, ad esempio, commentato: “L’ironia è stata che noi prendevamo droghe illegali e guarda quello che è successo a lui”.  

Dall'archivio di Rockol - La storia di “RAM” di Paul McCartney
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.