Queen, un sequel del film ‘Bohemian Rhapsody’? Brian May: ‘Difficile’

Il chitarrista del gruppo un tempo guidato da Freddie Mercury esclude, per ora, un'eventuale seconda parte del biopic sulla band di 'We will rock you’.

Queen, un sequel del film ‘Bohemian Rhapsody’? Brian May: ‘Difficile’

Il chitarrista dei Queen Brian May ha dichiarato che è improbabile, per ora, che un sequel di “Bohemian Rhapsody”, il biopic del 2018 diretto da Bryan Singer che narra le vicende della band di "Under pressure" dagli esordi fino concerto al Live Aid del 1985, vedrà mai la luce.

L’addetto alle sei corde del gruppo un tempo guidato da Freddie Mercury, a margine di una recente intervista concessa alla rivista statunitense Rolling Stone, ha raccontato che la band ha valutato l’ipotesi di un'eventuale seconda parte del film sui Queen ma, al momento, di non aver preso in considerazione l’idea di realizzare un seguito di “Bohemian Rhapsody”. “Non pensate che non ci abbiamo pensato”, ha spiegato Brian May. “Ne Abbiamo parlato. Fondamentalmente pensiamo di no, al momento. Le cose potrebbero cambiare, suppongo, ma penso che sarà difficile.”

Un sequel di “Bohemian Rhapsody” si concentrerebbe sul racconto degli ultimi anni di vita del compianto Freddie Mercury e a tal proposito Brian May ha detto: “Non credo che sarebbe una cosa confortante da fare.” Ha continuato dicendo:

“Non sto dicendo che sia impossibile perché c'è una grande storia di quegli anni, ma non pensiamo che sia la storia che vogliamo raccontare al momento.”

Durante la chiacchierata con la rivista statunitense, il chitarrista dei Queen ha poi spiegato: “Ci sono un milione di cose della nostra carriera che non potresti mostrare in un film, dal momento che il film dovrebbe essere semplificato per essere guardabile.” E ha aggiunto: “Ma non pensiamo che ci sarà un altro film. Questo è il nocciolo della questione. Penso che dovremmo cercare altrove. Abbiamo avuto altre idee, ma non credo che un sequel ci sarà. Abbiamo esaminato la questione molto seriamente.”

Lo scorso anno erano circolate numerose voci su un possibile sequel di "Bohemian Rhapsody”. Oltre a Rudi Dolezal, direttore di alcuni video dei Queen - che, parlando con Page Six, aveva detto: "Un sequel è oggetto di discussione nella famiglia dei Queen” - anche Joseph Mazzello e Gwilym Lee (in "Bohemian Rhapsody" hanno interpretato rispettivamente i ruoli di John Deacon e Brian May), avevano dato seguito alle voci su una possibile seconda parte del lungometraggio. L’attuale voce dei Queen, a margine di un’intervista per NME, aveva però espresso i propri dubbi sulla realizzazione di un secondo film sulla band di “Don’t stop me now”. Adam Lambert, lo scorso mese di giugno, aveva detto: "Un sequel? Come funzionerebbe? Non ha senso per me.”

Dall'archivio di Rockol - La storia di "A Night at the Opera" dei Queen
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.