La misteriosa storia del brano di Eric Clapton per la colonna sonora di James Bond

Nel 1989 'Slowhand' lavorò al tema principale del film '007 Vendetta privata'. Venne girato anche un video che però andò perso.
La misteriosa storia del brano di Eric Clapton per la colonna sonora di James Bond

Nel 1989 uscì nelle sale cinematografiche '007 vendetta privata' ('Licence to Kill, nell'originale), il sedicesimo film della saga dell'agente segreto James Bond, il secondo e ultimo che ha visto nei panni del protagonista l'attore Timothy Dalton.

La interpretazione del tema principale dei film di 007 è sempre affidata a una stella di prima grandezza e artisti come, ad esempio, Shirley Bassey hanno legato indissolubilmente la loro fama proprio a quella dell'agente segreto più noto dell'universo della celluloide. Per portare un esempio recente, la canzone che accompagnerà il prossimo capitolo della serie, 'No Time to Die' (in uscita a novembre), è stata affidata alla 18enne stella del pop-rock Billie Eilish.

Tornando al 1989, l'omonimo tema del film, scritto da Narada Michael Walden, venne infine interpretato dalla cantante soul Gladys Knight. Ma la storia sarebbe potuta andare in altra maniera a sentire quanto racconta il chitarrista Vic Flick, colui che suonò per la prima volta, nel 1962, l'inconfondibile riff 'marchio di fabbrica' dei film di James Bond.

Ecco cosa disse Flick a Permission to Kill nel 2009:

“Arrivò una telefonata di punto in bianco. Michael Kamen (che curava la colonna sonora del film, ndr) voleva un suono di chitarra dark per completare la melodia che Eric Clapton aveva fatto sulla loro composizione. Quindi, conoscendo il mio debole per la chitarra low-string, mi chiamò per le sessioni di prova. Fu bello rivedere Eric dopo molti anni e fu meraviglioso lavorare con quei due musicisti di talento. Eric suonò in modo incredibile sulla canzone e Michael fece un ottimo arrangiamento. Io feci la mia parte.”

Continua ancora Flick:

“Il giorno seguente andammo in un loft nella zona del molo di Londra per girare il video. Quel poco che vidi del video era fantastico. Il video poi venne inviato ai produttori di Bond che avevano commissionato il progetto. Aspettai, Michael aspettò ed Eric era da qualche parte in giro per il mondo a lavorare. Dopo due settimane giunse la notizia che i produttori di Bond volevano una canzone come tema e la commissionarono a Gladys Knight and the Pips e fecero saltare il brano presentato da me, Michael ed Eric.”

Flick disse di "esserne uscito bene finanziariamente", ma si rammarica che quella collaborazione con 'Slowhand' non abbia mai raggiunto il pubblico, nemmeno sotto forma di bootleg. Flick ci scherza sopra:

"Quel video è il Santo Graal dei fan di James Bond e chi lo trova vedrà la luce dorata!. Nessuno sa dove si trovi. L'unica persona che pensavo lo sapesse, Michael Kamen, è morta (il 18 novembre 2003, ndr), quindi il segreto è sepolto con lui."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.