Sanremo 2020, parla Morgan: "Ho cambiato la canzone per dargli una lezione"

L’ex leader dei Bluvertigo risponde a Bugo: “Non ha saputo reggere quel palco”
Sanremo 2020, parla Morgan: "Ho cambiato la canzone per dargli una lezione"

Bugo finisce di raccontare la sua versione dei fatti nella sala stampa dell’Ariston (leggi qui) e intanto Morgan, al Palafiori, inizia a ribattere punto per punto con un fiume di parole. Le dichiarazioni dell'ex leader dei Bluvertigo sono dure:

Bugo si è fatto giostrare da un'associazione a delinquere all'insaputa di Amadeus. Volevano farmi le scarpe ed io mi sono divertito con le armi della parola. Ho subito mobbing, volevano far emergere Bugo. Sono stato violentato per settimane. La causa di tutto quello che è successo è Valerio Soave, presidente di Mescal mi ha messo le mani addosso nelle riunioni in cui si parlava della nostra partecipazione al Festival e voleva che lavorassi gratuitamente. I rapper vendono un feat a 15 mila euro e io dovrei lavorare gratis? Il brano di Bugo che mi hanno proposto non mi è mai piaciuto, ho cercato di intervenire, di renderlo migliore sul fronte musicale perché mi vergognavo di quella canzone e di mettere la mia firma su quelle parole. Ma tutto quello che facevo era sempre sbagliato. Lui deve ringraziare me per essere arrivato sul palco di Sanremo, io ringrazio lui per essere uscito. 

E sul litigio in merito alla cover di Endrigo continua:

“Ho lavorato molto su quella canzone perché volevo farne una versione alta, non mi interessa la musica leggera, non faccio le cose tanto per farle e non mi interessa neppure quello che dicono i suoi 'amici' sulla partitura, io punto sempre in alto, per questo la versione che ho inviato era complessa. Bugo, la sera delle cover, mi fa un affronto: inizia a cantare senza stare a tempo, prendendosi la scena e distruggendo il lavoro che avevo fatto fino al giorno prima. Per questo ieri sera gli ho voluto dare una lezione. Bugo non ha saputo reggere quel palco ed è uscito. Io sarei rimasto e avrei detto al pubblico ‘sta modificando la canzone’. Non sarei mai andato via”.

Quanto a "Sincero", la canzone in gara:

"Mi vergogno della mia firma sulla canzone 'Sincero'. Sono stato io a fare un favore a loro prestando il mio nome e non il contrario ed è sempre grazie alla mia presenza che Bugo è stato preso a Sanremo. Avrebbe venduto sua madre per fare il Festival, la sua ultima chance. Fa brutta figura ogni volta che apre bocca e hanno fatto di tutto per farlo emergere".

Bugo dice di essere stato insultato dall’ex leader dei Bluvertigo:

“Ma quali insulti, quando chiami ‘figlio di puttana’ una persona lo fai senza conoscere lo madre, lo fai perché sei arrabbiato la moglie? Insulti rivolti a lei? Non so neppure chi sia”.

Dall'archivio di Rockol - racconta The Voice 2019: "Sarà spettacolare ma non litigioso"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.