Bob Geldof e Midge Ure non hanno preso soldi da Band Aid

I due promotori dell'operazione umanitaria del 1984 rispondono alle accuse giunte dal web.
Bob Geldof e Midge Ure non hanno preso soldi da Band Aid

Quelli che nel 1984, sono stati i promotori di Band Aid, Bob Geldof e Midge Ure, hanno smentito le voci maligne secondo le quali i due si intascarono parte dei proventi del progetto che si concretizzò con la pubblicazione del singolo natalizio "Do They Know It's Christmas" e con il doppio mega concerto denominato Live Aid che si tenne nella stessa giornata, il 13 luglio 1985, allo stadio di Wembley a Londra e al RFK di Philadelphia, negli Stati Uniti, per aiutare a combattere la carestia in Etiopia.

Quella canzone fu il singolo più venduto in Gran Bretagna il Natale di quell'anno e diventò il singolo più venduto di tutti i tempi, come riporta l'NME, sempre in Gran Bretagna. Ha venduto infatti oltre due milioni di copie, raccogliendo oltre 200 milioni di sterline.

Le voci secondo cui Geldof e Ure avrebbero trattenuto del denaro dal Band Aid sono tornate a galla ieri nel programma di LBC Radio condotto da James O’Brien. O'Brien ha detto di essere scioccato da quelle voci e dubita siano vere. Ma diversi utenti di Twitter hanno contattato l'emittente per affermare di essere assolutamente convinti che i musicisti abbiano preso del denaro da Band Aid.

Questa mattina Geldof e Ure hanno telefonato durante la trasmissione di O'Brien per confutare in toto tali affermazioni. Geldof ha dichiarato che nessuno dei due ha preso dal Band Aid "nemmeno una tazza di caffè", aggiungendo che i conti possono essere controllati con la Charity Commission. Ha anche detto che i proventi di "Do They Know It's Christmas" possono essere controllati con l'associazione dei diritti d'autore.

Ure dal canto suo ha dichiarato:

“Al giorno d'oggi è comprensibile che le persone vivano con il dubbio, quando siamo circondati da un mare di menzogne e falsità. Ma queste affermazioni sono senza senso. In 35 anni, né io né Bob abbiamo ricevuto un centesimo da Band Aid o da Live Aid.”

Aggiunge ancora Geldof:

“Queste cose vengono alimentate dalla Twittersfera e, proprio come con il bugiardo presidente degli Stati Uniti, queste bugie vengono trattate come fatti reali. Devono essere inchiodate. Abbiamo sopportato queste bugie per un bel po', ma ieri ci siamo stufati.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.