Led Zeppelin, i 45 anni di “Physical Graffiti”: una canzone al giorno. “Down by the seaside”

“Physical Graffiti” dei Led Zeppelin è uscito il 24 febbraio del '75. Per celebrare il compleanno di questo album epocale abbiamo deciso di presentarvelo integralmente, canzone per canzone, iniziando il 9 febbraio e concludendo il 24 febbraio prossimo.
Led Zeppelin, i 45 anni di “Physical Graffiti”: una canzone al giorno. “Down by the seaside”

“Down by the Seaside” è un altro brano che trova una sua collocazione ideale nella terza, languida facciata di “Physical Graffiti”, per via della sua dolcezza e del fatto che, come il pezzo che la precede, arriva direttamente dalle sessioni del 1970 a Bron-Yr-Aur, in cui Robert ha effettivamente suonato la chitarra acustica. Anche le fasi di gestazione delle due canzoni sono simili: registrate entrambe agli Island con Andy Johns e mixate agli Olympic da Keith Hardwood, anche se la versione elettrica con la band a ranghi completi non viene poi lavorata fino alle sessioni del quarto album.

Il meccanismo è quello tipico, prettamente country, di chiamata e risposta, con Jones che suona un Electrapiano Hohner, simile a quello degli Stones, e con Bonham sullo sfondo che si produce in un fantastico shuffle mescolato a occasionali battiti fuori ritmo, che Bonzo rende perfettamente fluidi. Inserita nella terza facciata di Physical Graffiti, “Down by the Seaside” costituisce un contrasto provocatorio in mezzo a tanti brani rock. Il minaccioso cambio di ritmo al minuto 2:08 trova la band che passa a un aggressivo 4/4 per quasi un minuto, mentre Jimmy ci presenta un nuovo (e nitido) riff su cui poi fa un assolo. Sono davvero molti i contenuti del brano, con risvolti addirittura religiosi o quantomeno spirituali.

Caricamento video in corso Link

Domani scriveremo di “Ten years gone”.

Leggi qui la scheda di “Bron-Yr-Aur”

Leggi qui la scheda di “In the light”

Leggi qui la scheda di “Kashmir”

Leggi qui la scheda di “Trampled under foot”

Leggi qui la scheda di "Houses of the holy”

Leggi qui la scheda di “In my time of dying”

Leggi qui la scheda di "The Rover"

Leggi qui la scheda di “Custard Pie”​

I testi sono tratti dal libro di Martin Popoff “Led Zeppelin. Tutti gli album – Tutte le canzoni”, pubblicato da Il Castello, per gentile concessione dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “Physical Graffiti” e di tutti gli altri album dei Led Zeppelin.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/Ny4L26OpDAZJ76PwddWddv7cISg=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/ledzeppelinpopoff.jpg
Dall'archivio di Rockol - Quella volta che ‘Stairway to Heaven’ dei Led Zeppelin è stata trasmessa per 24 ore di fila...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.