Sala prove: Move, lo speaker mobile di Sonos, con bluetooth

Una nuova entrata nella popolare linea di altoparlanti wi-fi: una cassa che si integra nel sistema Sonos, ma con un design e funzionalità nomadi

Sala prove: Move, lo speaker mobile di Sonos, con bluetooth

VOTO: 4/5

PRO: Suono di ottimo livello, pieno e completo. Portabilità e versatilità: funziona sia con il sistema Sonos, sia come cassa Bluetoot "normale"

CONTRO: Prezzo importante 

PROVATA ASCOLTANDO: Coldplay, “Everyday life”; Leonard Cohen, “Thanks for the dance”

Sonos rinnova la sua linea con due prodotti: il Sonos One SL, entry level e fratello minore (senza microfono per smart speaker) del Sonos One  e soprattutto il Move, di cui parliamo dettagliatamente in questa recensione.

La linea Sonos è ricca e completa per l’ascolto casalingo: comprende soundbar, amplificatori di rete e il Play 5, cassa top della linea: tutte abbinabili per creare soluzioni sonore complesse, che vanno dal multi cassa in una stanza al multi stanza, sempre con controllo simultaneo da un’unica app. Le singole casse si collegano alla rete e possono riprodurre musica direttamente da ogni piattaforma streaming - da poco Sonos supporta anche la versione free di Spotify - oppure ricevendo da computer e device mobili Apple con Airplay. 

Il Move è una novità assoluta nella linea Sonos: pur mantenendo la tradizionale connessione tramite wi-fi - che è la caratteristica principale della linea - aggiunge per la prima volta il bluetooth - che è invece il sistema di connessione più comune per le casse portatili. Il Move è infatti portatile, ed è utilizzabile anche in maniera statica, grazie ad una base

Design e installazione
Il Sonos Move assomiglia al Play One, ma è solo un poco più grande: un cilindro (nero) con tasti a sfioramento e microfono sulla parte superiore. La novità è doppia. La prima è sul retro, dove sono presenti i tasti di connessione: è presente una cavità che funge da maniglia di trasporto; il peso è ragionevole, 3kg: lo rende sicuramente più ingombrante di una cassa da esterno, ma anche agevolmente spostabile in diversi punti della casa senza posizione fissa. La seconda caratteristica è la base: un anello nero su cui appoggiare il Move, per ricaricarlo (10 ore dichiarate di batteria) o per usarlo in versione statica.  Le finiture sono di ottimo livello: lo rendono omogeneo alla linea e pratico all’uso mobile

Funzionalità e controlli
Come in tutta la linea Sonos, il Move viene installato e controllato attraverso l'app, che gestisce i singoli speaker uno per uno, per singola stanza, o raggruppandoli assieme e permettendo di regolare i singoli volumi. Si può controllare direttamente dall’app Musica sui dispositivi Apple. Un tasto dietro il move permette lo switch dal sistema Sonos al Bluetooth: la cassa inizia il pairing, viene associata al device a inizia a riprodurre. Sostanzialmente, con il bluetooth, è utilizzabile anche all’esterno della casa, in giro o in un posto dove non c’è un wi-fi.

Suono
Nella nostra prova, ha dimostrato un suono non molto lontano dal top di line, il Play:5. È definito e potente, ed è meno sbilanciato sui bassi. La qualità sonora cala in maniera percettibile passando al bluetooth - che quindi è più comodo che fedele. Una caratteristica notevole del Move è che il True Play - la tecnologia che permette di adattare il suono alla stanza attraverso i microfoni - è automatizzato: appena lo spostate, il Move si regola (in maniera anche qua percettibile: basta provare a metterlo in un cassettone o in una cesta, e tirarlo fuori).
Il Move funziona bene da solo - ma se lo usate in casa è sempre bene accoppiarlo con altre casse Sonos per avere un suono con effetto stereo. 

Conclusioni
Come buona parte della linea Sonos, il Move ha un costo importante, 399€, giustificato da una versatilità inedita per il sistema. Se cercate una cassa portatile, ne troverete decisamente più a buon mercato, ma con rese sonore decisamente più basse. Se avete già altoparlanti Sonos, il Move è un’aggiunta davvero interessante. Se non ne avete, è un importante e ottimo punto di partenza.

I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.