David Gilmour esegue “She Says Good Morning” con i Pretty Things

E' stato pubblicato un video tratto da 'The Final Bow', il film dell'ultimo concerto della band inglese di Phil May.
David Gilmour esegue “She Says Good Morning” con i Pretty Things

Il chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour appare in una nuova clip live mentre esegue “She Says Good Morning” insieme ai Pretty Things. Il filmato è tratto da 'The Final Bow’, registrato il 13 dicembre 2018 in occasione dell’ultimo concerto della band inglese alla O2 di Londra. Al concerto oltre a Gilmour partecipò anche Van Morrison.

Caricamento video in corso Link

Il frontman dei Pretty Things Phil May ha dichiarato a Prog:

"Dopo 55 anni, dire addio ai Pretty Things è stato un colpo sismico, emotivo e una vera perdita di vita, per tutta la band e per il nostro manager. Ma essere costretto a farlo per motivi di salute, quando la band stava andando bene, creava nuova musica e andava in tour con tanto successo, in tutto il mondo, ha peggiorato le cose. Ma la vita è una cagna e poi muori...”

E continua:

“Ciò detto, questo cofanetto e quello che rappresenta, come tributo alla band che amo, alla vita che abbiamo vissuto e al modo in cui l'abbiamo vissuta, nella musica e nei concerti, non ha eguali. So di essere fortunato, io e la band, abbiamo fatto un'esibizione di 2 ore e 45 minuti, nella migliore forma in cui avremmo potuto sperare di essere e tutti sentiamo di aver fatto un'esibizione degna dei Pretty Things al loro meglio. Quello che abbiamo catturato nel film e nei dischi, abbiamo avuto i nostri grandi e vecchi amici, David Gilmour e Van Morrison al nostro fianco e, soprattutto, l'O2 era esaurita con i nostri amici, vecchi e nuovi, giovani e vecchi, e le persone per cui l'abbiamo fatto e che l’hanno reso possibile, è stata la ciliegina sulla torta”.

‘The Final Bow’ è disponibile sia nella versione con due DVD e due CD, sia in edizione deluxe comprensiva di un disco in vinile da 10" con le selezioni personali di May e Dick Taylor e un libro con copertina rigida di 52 pagine.

Dall'archivio di Rockol - Quella volta che David Gilmour entrò in un ristorante in moto
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.