Rockol Awards 2021 - Vota!

Gli U2 e il film-concerto che provò a cambiare le regole: "Rattle and hum"

La storia e i video di un album e di un film leggendario, tra documentazione di un tour storico, cover e nuove canzoni
Gli U2 e il film-concerto che provò a cambiare le regole: "Rattle and hum"

Il 10 ottobre del 1988 usciva "Rattle & hum", l'album con cui gli U2 davano seguito al successo di "The Joshua tree". Un doppio album a metà tra live e registrazioni inedite di studio, accompagnate da un film, diretto da Phil Joanou dedicato alla tournée americana della band. In realtà la pellicola, e il doppio album collegato, furono molto di più: il tentativo di cambiare le regole del film-concerto e dell'album dal vivo.

"The Joshua tree" e l'America

Un anno e mezzo prima, nel marzo 1987, la band irlandese aveva pubblicato quello che sarebbe rimasto nella storia come il suo capolavoro: "The Joshua tree". Al disco, best seller da milioni e milioni di copie, seguì un tour altrettanto trionfale, tra Europa ed America. E fu qui che la band ebbe l'intuizione: "The Joshua tree" era un racconto sul luogo "dove le strade non hanno nome", fin dalla copertina. Quello che sarebbe arrivato dopo non poteva essere un semplice film-concerto o un semplice live album. Così nel disco e nel film gli U2 espansero il loro racconto dell'America.

Un film a metà tra concerto e documentario

Il film fu un'idea di Joanou, che suggerì di chiamare Martin Scorsese (che aveva diretto "The last waltz", considerato uno dei capolavori del genere) o Jonathan Demme ("Stop making sense" con i Talking Heads, altro film-concerto molto apprezzato). Doveva inizialmente intitolarsi "U2 in the Americas", ma poi si optò per la regia dello stesso Joanou e per una frase di "Bullet the blue sky", una delle canzoni centrali di "The Joshua Tree".

L'idea fu di unire canzoni dal vivo (riprese dal vivo a Denver non lontano da dove la band aveva girato qualche anno prima lo storico "Live at Red Rocks: Under a Blood Red Sky"), a nuovi brani a tema americano, come la dedica a Billie Holiday ("Angel of Harlem") o la rivisitazioni: memorabile la versione gospel di "I still haven't found" con un coro di Harlem, al Madison Square Garden. Aggiunsero collaborazioni con icone come B.B. King ("When love comes to town") e Bob Dylan (co-autore di "Love Rescue Me") e cover ("All along the watchtower", sempre Dylan, e "Helter skelter", che gli U2 volevano togliere dall'immaginario di Charles Manson che la citò nella sua strage a Bel-Air).

Un mezzo flop al botteghino

L'album arrivò al 1° posto in America, Inghilterra in una decina di paesi, ma il film ricevette critiche non sempre positive e non andò altrettanto bene al botteghino: in America, secondo le cifre riportate al tempo da Rolling Stone, incassò solo 8 milioni di dollari nonostante la distribuzione in 1400 sale - da cui venne presto ritirato. 

Curiosamente, gli U2 non hanno mai ristampato in versione espansa né l'allbum né il film, nonostante circolino sotto forma di bootleg diversi materiali inediti, sia audio che video. 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.