Achille Lauro, l’intervista: “Nel nuovo disco una fusione fra Britney Spears e Marilyn Manson"

L’artista romano, insieme a Boss Doms, racconta in anteprima il progetto “1990”: “Il primo estratto dell’album uscirà il 25 ottobre”

Achille Lauro, l’intervista: “Nel nuovo disco una fusione fra Britney Spears e Marilyn Manson"

Achille Lauro e Boss Doms, dopo “1969”, come fossero Marty McFly e Doc di “Ritorno al futuro”, dalla Rolls Royce passano alla DeLorean e sono pronti a viaggiare nel tempo un’altra volta, attingendo dal passato per plasmare la loro musica, quella del domani. Il nuovo disco “1990” ormai è pronto. “Questo 2019 per noi è stato un anno speciale, rivoluzionario – racconta Lauro – le persone che ci seguono hanno capito che realizziamo musica senza etichette, facciamo solo quello che ci piace. Tutto questo è avvenuto a cinquant’anni da quel 1969 che ha portato un grande vento di cambiamento: abbiamo voluto ricordare quel periodo con un album che, però, guarda all’oggi. Nel 2020 saranno vent’anni dal 1990, un altro anno importante per la storia della musica. Abbiamo deciso di raccontarlo a nostro modo: dentro ci saranno poesia, maledizione, pop e pop star, grunge e sentimento. Un mix fra Britney Spears e Marilyn Manson che si fondono e diventano Achille Lauro e Boss Doms”. È proprio il produttore, amico e punto di riferimento di Lauro, a svelare la data di uscita del primo singolo: “Il 25 ottobre lanceremo il primo estratto, sarà interessante vedere le reazioni del pubblico. Dentro si potranno trovare diverse anime, da quella più oscura a quella più dance”.

Sulla diatriba intorno alla sua partecipazione al Premio Tenco, Lauro, dopo aver interpretato “Lontano lontano” sul palco dell’Ariston di Sanremo in modo quasi sussurrato e viscerale, accompagnato al piano da Morgan, precisa: “siamo onorati di aver partecipato a questo Premio: Tenco, checché se ne dica, lo sentiamo molto vicino a quello che siamo e a quello che facciamo. “Lontano lontano” parla di un amore distante, abbiamo cercato di interpretarlo a modo nostro, ma rispettosi del vero significato di quella canzone meravigliosa che fa trasparire un sentimento di solitudine”. Un altro viaggio nel tempo, dentro la grande canzone d’autore. E chissà che questa versione di Tenco, venata dal timbro di Lauro, non possa trovare spazio anche nelle scalette dei concerti, contribuendo alla riscoperta del grande cantautore anche fra i più giovani. “Il punto è sempre lo stesso: non bisogna appiccicare etichette senza conoscere la musica e chi la fa – sottolinea Lauro – è giusto che ci sia un giudizio, è giusto che il pubblico possa schierarsi, decidendo se piace o meno quello che ascolta. È una delle grandi magie di questa arte. Ma un giudizio a priori senza aver capito il nostro percorso, non è giustificato. Se non si è a conoscenza della nostra strada, non si possono comprendere le nostre trasformazioni. Siamo passati dalla musica elettronica al pianoforte e voce, dal 1960 al 1990 e continueremo a evolverci, andremo dove ci porterà la musica. Prima di qualunque giudizio bisogna informarsi, questo in qualunque ambito”.

È un mondo di icone patinate e fantasmi quello di Lauro e Boss Doms, un universo dove luci al neon e ombre si accompagnano sempre, ma la sostanza vince sull’apparenza. Dove si trova la chiave di questo continuo trasformismo? “Nei sentimenti più intimi e profondi in cui tutti si rispecchiano – conclude Lauro – lì c’è il collegamento fra tutte le nostre anime. Se qualcuno prova imbarazzo nel mettersi a nudo, raccontandosi in modo personale, vuol dire che forse è sulla strada giusta”.

(Claudio Cabona)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
17 dic
Achille Lauro in concerto
Ospite di: clementino
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.