Chi è A Boogie Wit Da Hoodie, il rapper in cima alla chart americana che non ha bisogno di vendere dischi

È la seconda settimana che la vetta della classifica americana – la Billboard 200 – ospita il nome di A Boogie Wit Da Hoodie, rapper nato nel Bronx, classe 1995, che ha conquistato la cima della chart statunitense grazie alla sua seconda prova di studio, uscita lo scorso mese di dicembre, “Hoodie SZN”. Le copie, tra quelle fisiche e i download, vendute da Artist Julius Dubose sono circa mille, niente di ragguardevole: sono stati, insomma, gli ascolti in streaming – più di 80 milioni - i motori trainanti della musica del rapper newyorkese. Per questa ragione, A Boogie Wit Da Hoodie vanta il primato di un record, messo a segno la scorsa settimana, ovvero quello di un disco, il suo “Hoodie SZN”, primo in classifica - totalizzando la cifra finale di circa 56mila unità negli USA, sommando vendite fisiche, download e stream - con il minor numero di copie vendute. Ricordiamo che le classifiche americane, nel calcolare le vendite, fanno corrispondere 1500 ascolti sulle piattaforme streaming a un disco venduto.

Caricamento video in corso Link

A Boogie Wit Da Hoodie deve il suo pseudonimo a un personaggio della pellicola di Charles Stone III del 2002, “Paid in Full”, Boogie, che il rapper guardava spesso da ragazzino. La seconda parte, Hoodie [felpa con il cappuccio], è dovuta, invece, all’abbigliamento tipico di Dubose. “La gente” - spiega il rapper a proposito dell’origine del suo nomignolo - “ha iniziato a dire ‘A Boogie Wit Da Hoodie’”. Quanto al suo percorso, Artist Julius Dubose è stato spedito molto giovane dalla famiglia in un’accademia preparatoria della Florida, a causa dei suoi frequenti guai con la giustizia legati allo spaccio. Ma appena lasciata Fort Pierce, A Boogie torna a concentrarsi, tra un lavoro e l’altro, sul rap, passione che aveva iniziato a coltivare già intorno ai 12 anni. Il debutto discografico, “The Bigger Artist”, arriva nel 2017 e vola dritto fino alla posizione 4 della Billboard 200, ma il primo progetto di A Boogie risale all’anno precedente, quando il rapper della Grande Mela pubblica il mixtape “Artist”, che lo porterà a firmare qualche mese più tardi con l’Atlantic Records. Il singolo apripista di “The Bigger Artist”, "Drowning", con il featuring di Kodak Black, resta il più noto del rapper, nonché il brano che ha segnato l’ingresso di A Boogie nella Hot 100 di Billboard, alla posizione 38.

Caricamento video in corso Link

Tra i sodali che - tra featuring, ospitate e progetti collaborativi - hanno incrociato la loro strada con l’artista spiccano Drake, Future, Juice WRLD, Offset, 6ix9ine, Chris Brown, Trey Songz, 21 Savage, PnB Rock e YoungBoy Never Broke Again.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.