L'estate italiana balla latino & anni '90... ma la techno cresce. ASCOLTA

L'estate italiana balla latino & anni '90... ma la techno cresce. ASCOLTA

Nei locali, ai festival, durante i beach party, nei dj set, l'estate 2018 ha un sound spesso melodico. Il ritmo non è eccessivo, anche nelle situazioni più notturne, quei club che fanno ballare fino all'alba e oltre.

In ambito pop dance italiana, passata la metà di luglio "Italiana" di J-Ax & Fedez, Baby K con "Da zero a cento" e "Amore & Capoeira" di Takagi & Ketra ft. Giusy Ferreri, i brani che spopolano in radio, sembrano giocarsela alla pari anche in discoteca. I dj che fanno ballare le situazioni più easy e le spiagge non possono non suonare queste canzoni, e anche "Non ti dico no" (Boombadash Loredana Bertè) e "La cintura" di Alvaro Soler.

Le chart, tutte, contano sempre di meno, mentre gli ascolti su Spotify non sono divisi per genere musicale, per cui è oggi davvero difficile stabilire quale sia il brano più ballato dell'estate. Una cosa comunque è chiara: nonostante ciò che vorrebbero troppi dj e tanti addetti ai lavori, anche per chi balla è un'estate decisamente reggaeton, un 'non genere' musicale che mette insieme sonorità urban, melodie, sensualità e voglia di far festa.

I successi di questo periodo hanno armonie semplici e restano in testa al primo ascolto, ma qualche volta i riferimenti non sono certo banali. Per "Canta Canta" Shorty, una delle colonne musicali di Radio Deejay,  è partito da un classico della musica popolare brasiliana interpretato da Martinho Da Vila, dimostrando che sembra funzionare la musica latina in senso lato, non certo solo il reggaeton. Ha un respiro decisamente internazionale anche "Vivo la Vida" di Matteo Borghi, che è tra l'altro uno degli artisti italiani di maggiore successo nei locali di mezzo mondo. Borghi è milanese, ma ha vissuto a lungo in America Latina, divedendo il palco con una star come Enrique Iglesias. Tra un sospiro e l'altro, fa subito capire che per lui il sound latino è qualcosa di più, non solo il trend del momento. "Adoro il loro mondo musicale, quel loro modo di comunicare giocoso e aperto", racconta.

Caricamento video in corso Link

Pure Ben Dj, tunisino d'origine e cittadino del mondo, punta in qualche modo sul reggaeton. Il suo nuovo singolo "Se Levanta", arriva dopo gli oltre dieci  milioni di ascolti dei precedenti su Spotify (“Thinkin’ Bout You” e “Hold Tight”) e mette insieme pop dance & sensualità latina. Rispetto a tanti brani deep house tutti uguali la differenza si sente subito. I party ed i dinner show più 'up' del pianeta oggi si muovono a tempo di brani come questo, melodici e immediati.

Caricamento video in corso Link

Nei locali più pop, il reggaeton si mescola poi spesso al revival anni '90. Brani come "Freed from Desire" di Gala, mai davvero dimenticato grazie ai tifosi inglesi di calcio e ad un ritornello dal testo internazionale ("Na na na nanna nana") o “L’Amour Toujours" di Gigi D'Agostino stanno vivendo una seconda, o una terza giovinezza. Alla Praja di Gallipoli, probabilmente la discoteca italiana estiva più importante per chi capire cosa si balla davvero, suonano gli eterni Eiffel 65, c'è tutta la squadra del Deejay Time e tre su quattro dei singoli artisti (Albertino, Molella, Prezioso) suonano anche da soli.

Sembra impossibile, ma un'eco di tutta questa facilità musicale sembra arrivare pure dall'altra parte del muro che divide la scena pop da quella più elettronica. Quest'ultima, tra l'altro, è in crescita e definirla 'underground' è oggi davvero fuorviante, visto che ormai in ambito techno & dintorni fenomeni e tendenze sembrano simili a quelli del pop. L'ascesa fulminea dell'ex modella belga Amelie Lens dimostra che oggi l'elettronica ha bisogno di superstar, più che di dischi di successo... Tornando però alla musica, i dj set di artisti come Solomun, Paul Kalkbrenner, Marco Carola e Chris Liebing oggi hanno in comune sonorità non estreme, perfette anche per chi vuol vivere un party o un festival senza essere uno specialista del genere. A Ibiza uno dei party dell'anno è Circo Loco, che festeggia il ventennale al DC 10, mentre al Sankeys cresce Idol, una festa che mette in console veterani come Timo Maas ed Alex Neri, proponendo un sound che viene definito "from house to the future". Le vie del ritmo restano infinite.

Lorenzo Tiezzi

 

Dall'archivio di Rockol - Sanremo 2017, i "Campioni": Giusy Ferreri
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.