Siouxsie Sioux: la 'regina oscura' del post-punk britannico (1 / 15)

Siouxsie Sioux: la 'regina oscura' del post-punk britannico

Compie oggi 63 anni Susan Janet Ballion, in arte Siouxsie Sioux, cantautrice britannica e leader del gruppo post punk britannico Siouxsie and the Banshees (1976-1996) e del duo voce-batteria The Creatures (1981-2005). Con i Siouxsie and the Banshees ha pubblicato undici album in studio e molti singoli arrivati nella top 20 del Regno Unito, tra cui “Hong Kong Garden”, “Happy House”, “Peek-a-Boo”, più un US Billboard top 25 hit con il brano “Kiss Them for Me”. Nel 2011 è stata premiata per il suo contributo alla musica ai Q Awards e nel 2012 ha ricevuto l'Inspiration Award all'Ivor Novello Awards.

Giovane controversa e inquieta, con un’infanzia difficile alle spalle, Siouxsie Sioux entra nel 1976 a far parte del Bromley Contingent, un gruppo di eccentrici e anticonformisti seguaci di una nascente band inglese punk: i Sex Pistols. In questo periodo comincia a farsi notare negli ambienti dei locali di Londra per via del suo stile fetish e bondage, che in seguito diventerà parte dell'abbigliamento punk.

Con i Siouxsie and the Banshees, fondati nel settembre del 1976, Susan Janet Ballion ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della musica post punk britannica, diventando punto di riferimento per numerosi gruppi a venire: Joy Division, The Cure, U2, The Smiths, Radiohead, PJ Harvey e  Sonic Youth sono solo alcuni dei gruppi che hanno citato i Siouxsie and the Banshees tra le loro influenze.

Siouxsie è stata acclamata da molte cantanti e artisti: PJ Harvey ha selezionato l'album “Anima Animus”, della seconda band di Siouxsie i “The Creatures”, come uno dei suoi 10 album preferiti del 1999. Harvey ha anche detto:

È difficile battere Siouxsie Sioux nelle performance dal vivo. Lei è così eccitante da guardare, così piena di energia e di grezza qualità umana

Robert Smith dei Cure, che ha suonato la chitarra nei Banshees nel tour di “Join Hands” del 1979, poi ancora nel 1982 e nello studio album “Hyæna” del 1984, ha dichiarato:

Siouxsie and the Banshees e i Wire sono stati i due gruppi che ho ammirato molto. Loro significavano qualcosa

Per festeggiare i 61 anni della regina del post-punk britannico, abbiamo scelto alcuni dei brani fondamentali della carriera di Siouxsie con i Banshees.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.