Sergio Caputo: subito un nuovo singolo, "Scrivimi scrivimi", a maggio un nuovo album, "Oggetti smarriti"

Sergio Caputo: subito un nuovo singolo, "Scrivimi scrivimi", a maggio un nuovo album, "Oggetti smarriti"

A trentacinque anni dalla pubblicazione dell'epocale album "Un sabato italiano", fa piacere poter scrivere che Sergio Caputo è ancora "alive and kicking", esibisce una folta barba ed ha nuova musica da farci ascoltare.
Esce oggi infatti il singolo "Scrivimi scrivimi", uno degli inediti che saranno inclusi nel prossimo album, di cui per il momento possiamo dare il titolo - "Oggetti smarriti" - dire che uscirà in maggio e anticipare che conterrà anche le rivisitazioni di alcuni "deep cuts", cioè alcuni brani da album che secondo il loro autore meritano una riscoperta.
Sergio Caputo presenta "Scrivimi scrivimi", che potete ascoltare più sotto, con queste parole:


"La canzone parla dei rapporti fra noi umani nella jungla dei 'social' - luogo virtuale dove ci si può incontrare fra sconosciuti - ma dove la solitudine è sempre in agguato pronta a sbranare, e le persone con cui dialoghiamo potrebbero non essere chi dicono di essere, o non essere come vogliono sembrare. Il bisogno di comunicare e di essere ascoltati può dare dipendenza, e quando dall’altro lato dello schermo non arriva ciò che si desidera, ovvero incondizionata ammirazione, o amore idealizzato, si entra in uno stato di ansia che non avevamo messo in conto quando ci siamo inoltrati nella jungla.  
'Scrivimi Scrivimi' parla di tutto questo, ma alla fine resta una canzone d’amore.

 

Caricamento video in corso Link


Per un pezzo come questo, che parla dei rapporti interpersonali ai tempi dei social, Sergio Caputo  non poteva che attingere al suo “bacino d’utenza” e sollecitare i suoi followers su Twitter, Facebook e Instagram, chiedendo loro di inviargli dei “video-selfies” che sarebbero diventati parte del video. Ne sono arrivati tantissimi, più di quanti se ne potessero usare, e Sergio stesso - che del video è anche regista e montatore - esegue il suo brano nell’inquadratura tipica da selfie, mentre interagisce con una quantità di persone di cui non sa assolutamente nulla - a parte un'eccezione: Riccardo Rinetti, antico sodale di Caputo fin dai tempi di "Un sabato italiano" e coprotagonista della canzone "Io e Rino".

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.