NEWS   |   Italia / 23/03/2018

Il ritorno di The Voice: il commento alla prima puntata

Il ritorno di The Voice: il commento alla prima puntata

The Voice è tornato. Due anni fa, alla fine della quarta edizione, lo avevamo dato per morto e sepolto. La Rai non sembrava avere interesse a portare avanti un talent di quel tipo, schiacciata com'era tra "Amici" di Mediaset e "X factor" rivitilizzato dopo il passaggio a Sky. The Voice, peraltro, non ha mai prodotto un artista di successo - solo un caso mediatico, quello di Suor Cristina. 
Ma The Voice è un talent centrato sulla "giuria" e non sui concorrenti: è il suo pregio ed il suo limite.
Invece, eccolo di nuovo qua: questa sera è andata la prima puntata della quinta stagione.
Alcune prime impressioni, dopo la prima puntata.

I coach
 Cast rinnovato, con un quattro nuovi coach: Al Bano, il ritorno di J-Ax , Cristina Scabbia dei Lacuna Coil e Francesco Renga, e con la conduzione di Costantino Della Gherardesca.  
Al Bano è la vera rockstar, il divo del quartetto: ha esordito cantando Elvis Presley assieme agli altri coach, e sfoderando la sua potenza vocale. Cristina Scabbia è la meno conosciuta - almeno per il pubblico generalista della TV - ma esce con la grinta e la personalità che ha sul palco con con i Lacuna Coil, J-Ax viene usato come punto di riferimento (è di fatto il più anziano ed esperto). Renga è sorridente e rassicurante. 

Il meccanismo
Da rivedere sulla lunga distanza. La prima puntata è sempre la più divertente, con i provini al buio, che sono la vera cifra del programma. Solo che durano ben 4 settimane, e dalla seconda in poi, il rischio noia è dietro l'angolo - vedremo se ci saranno trovate terranno alta l'attenzione.  L'introduzione ha provato a spiegare il meccanismo leggermenye rivisitato (con il tasto del "blocco"), non sono apparse così rilevanti: alla fine quello che conta sono le reazioni dei coach alle voci, e quando si girano le poltrone.

I cantanti
“C’è differenza tra essere una cantante ed essere un’artista e tu sei un’artista”. “Un piccolo Michael Jackson un po’ più timido”, "Hai il fuoco": a sentire i coach non sembra di essere a The Voice, ma già alla Rock 'n' roll hall of fame. L'esagerazione fa parte del gioco: c'è qualche buona voce, quello sì, ma nulla da strapparsi i capelli.
In generale, rispetto al passato, si vede comunque un migliore casting sui personaggi e sulle storie: notevole la drag queen che si commuove e sceglie Al Bano, per fare un esempio, o il nipote di Aurelio Fierro, leggenda della canzone napoletana.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/bgQihE6RR-3_VWwHbqQoFvenn9U=/700x0/smart/https%3A%2F%2Fscontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net%2Fv%2Ft31.0-8%2F26232475_2004715506208512_5928094170111663994_o.jpg%3F_nc_cat%3D0%26oh%3Dfded7d09b89230fbee66e39d034aee3d%26oe%3D5B283C78

La conduzione e il programma
Costantino Della Gherardesca è un bravo presentatore, chi lo conosce e lo segue sa che è competente di musica, ma  in TV si è sempre dedicato ad altro. Il suo sarcasmo tagliente, più che a The Voice, sembra adatto a "Pechino express", dove l'ironia è un elemento di sopravvivenza. Qua ha poca empatia con i concorrenti. Qualche buona trovata autoriale (come dare un cucciolo ai coach e costringerli alla pet therapy in pubblicità) lo mette in una luce migliore, ma gli manca ritmo.