NEWS   |   Pop/Rock / 21/04/2019

Il compleanno dell'Iguana: 10 duetti speciali di Iggy Pop (1 / 11)

Il compleanno dell'Iguana: 10 duetti speciali di Iggy Pop

Il 21 aprile del 1947 è un lunedì di primavera e il "Time Weekly", fresco di rotative, in copertina ha il volto di William A. Patterson, il presidente della United Airlines. Tra gli articoli di punta del numero ci sono un reportage dal funerale del leggendario Henry Ford (celebrato a Detroit pochi giorni prima), un’inchiesta sul rialzo dei prezzi e la trascrizione di un violento battibecco tra Gromyko e Vanderberg al consiglio delle Nazioni Unite, a proposito degli aiuti statunitensi per Turchia e Grecia.

All’Osteopathic Hospital di Muskegon, probabilmente, il signor James Newell Osterberg Senior legge quel numero del "Time" da copertina a copertina, aspettando che la moglie Louella dia alla luce il loro bimbo. La creaturina viene registrata all’anagrafe col medesimo nome del padre e diventa James Newell Osterberg Junior. Ovvero, Jimmy, ovvero – una ventina d’anni dopo – Iggy Pop.
La permanenza a Muskegon dura lo spazio di un istante o poco più: nel giro di un anno e mezzo la famiglia Osterberg parcheggia la propria fantastica casa mobile in un trailer park a un tiro di schioppo da Ann Arbor. Più precisamente gli Osterberg si fermano sulla piazzola 96 (di 99) al 3423 di Carpenter Road, Ypsilanti, Ann Arbor – a ottanta chilometri da Detroit.

Un trailer park è esattamente ciò che la traduzione letterale indica: un parcheggio per case mobili, camper e roulotte. A partire dagli anni Cinquanta, negli Stati Uniti, queste aree (da sempre deputate a ospitare turisti e famiglie in viaggio) divengono progressivamente luoghi di insediamento stanziale. Persone che non possono permettersi di investire nel proverbiale mattone, gente che si sposta continuamente per lavoro, uomini e donne innamorati della vita on the road, qualche trafficone desideroso di eludere le maglie della legge: ecco alcune delle tipologie umane che si possono trovare in un agglomerato del genere. Di sicuro non si tratta di frange privilegiate della società...

Ed è qui che si forma, cresce e poi esplode sua maestà Iggy Pop, padrino del punk, gran maestro di cerimonie degli Stooges e poi artista solista blasonatissimo.

In occasione del suo compleanno, lo omaggiamo con una selezione di collaborazioni e duetti che lo hanno visto protagonista: sempre poliedrico, imprevedibile e punk nell'attitudine.