Black Sabbath 'originali': Bill Ward ricoverato negli USA per problemi cardiaci

Black Sabbath 'originali': Bill Ward ricoverato negli USA per problemi cardiaci

Bill Ward, batterista della line-up originale dei Black Sabbath sostituito, in occasione della reunion del 2012, dal già Rage Against the Machine e Audioslave (e ora in forze nei Prophets of Rage) Brad Wilk in studio e da Tommy Clufetos sui palchi, è stato ricoverato per non meglio precisati problemi cardiaci mentre si trovava negli Stati Uniti insieme alla sua attuale band, i Day of Errors: i prossimi impegni dal vivo della formazione sono ovviamente stati cancellati.

A fornire aggiornamenti relativi alle sue condizioni di salute è stato lo stesso Ward attraverso la sua pagina Facebook personale:

"Sono stato portato in ospedale lo scorso fine settimana per problemi al cuore", ha scritto l'artista: "Adesso sto bene e mi sto riprendendo alla grande. Tuttavia, in passato, non ho mai accusato problemi simili, e - data la loro natura - ho deciso di cancellare le prossime date dal vivo che avevo in programma. Mi scuso molto con quanti avessero deciso di venire a vedere i miei concerti: sono molto dispiaciuto di non riuscire a onorare gli impegni presi, ma non vedo l'ora di tornare a condividere la mia musica con voi. Ci sentiamo presto".

Non meglio specificati problemi cardiaci di Ward furono citati nel 2012 da Ozzy Osbourne come una delle cause dell'estromissione dello stessa batterista dal reunion tour della band di "Paranoid": "Ha già avuto due infarti", spiegò il frontman motivando la decisione di non coinvolgere il compagno di gruppo nella ripresa delle operazioni, "Non voglio essere responsabile della sua vita". Il batterista, che sin dall'inizio della polemica ha sostenuto di essere stato scaricato dagli ex compagni per motivi meramente economici, all'epoca rispose: "Quello che [i Black Sabbath] sostengono è esattamente l'opposto di quello che è successo, specialmente nel 2011, quando nessuno mi ha contattato perché preoccupato dalla mia salute o dal fatto che continui a suonare".

Dall'archivio di Rockol - Paranoid, Il capolavoro dei Black Sabbath
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.