‘Blade Runner 2049’: perché il regista Denis Villeneuve voleva David Bowie per la parte del cattivo

‘Blade Runner 2049’: perché il regista Denis Villeneuve voleva David Bowie per la parte del cattivo

Già vi avevamo parlato del fatto che il regista di “Blade Runner 2049” Denis Villeneuve volesse David Bowie per la parte del cattivo Niander Wallace, interpretato da Jared Leto. In un’intervista rilasciata a Consequence Of Sound il regista ha ora spiegato nel dettaglio perché non c’era nessuno che avrebbe calzato il ruolo meglio del Duca Bianco. Secondo Villeneuve, Bowie era perfetto per la sua visione originale del personaggio:

Quando ho letto la sceneggiatura mi sono venute in mente un sacco di persone, ma quando abbiamo iniziato a formare il cast l’idea che è venuta subito è stata che Wallace avrebbe potuto essere interpretato da qualcuno come David Bowie. Mi sembrava una cosa così sensata. Ho detto, “È un’idea geniale! È un’idea geniale!”. David Bowie, per me, è stato “Blade Runner” prima del suo tempo. Probabilmente il “Blade Runner” originale si era ispirato a lui. Era così in anticipo sui tempi. È lui stesso un personaggio di un romanzo di fantascienza. Era la personificazione dello spirito di “Blade Runner”.

Il regista racconta di essersi mobilitato per entrare in contatto con Bowie quando, il 10 gennaio 2016, è arrivata la notizia della sua morte.

Il Duca Bianco è sempre stato vicino al mondo del cinema, recitando in diversi film (“L’Uomo che cadde sulla Terra”, “Labyrinth”, “The Prestige” e molti altri) nel corso della sua carriera.

 

 

Dall'archivio di Rockol - La storia di "The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" di David Bowie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.