Billy McFarland, organizzatore del tragico Fyre Festival, è stato arrestato per truffa. Rischia 20 anni di prigione.

Billy McFarland, organizzatore del tragico Fyre Festival, è stato arrestato per truffa. Rischia 20 anni di prigione.

Billy McFarland assieme al socio Ja Rule è il responsabile primo, in quanto organizzatore, della debacle del Fyre Festival, la manifestazione musicale di lusso che si sarebbe dovuta tenere alle Bahamas che però, sin dall'inizio, ha preso tutti i contorni della truffa o di qualcosa di simile.

McFarland aveva dichiarato di avere peccato di inesperienza e che sarebbe andato tutto per il meglio con la seconda edizione. Tutto è possibile ma non crediamo che McFarland possa avere una seconda chance. Come riporta il New York Times, l’imprenditore è stato arrestato con un’accusa che se confermata potrebbe portargli una pena di venti anni di prigione.

Il procuratore del distretto sud di New York Joon Kim ha dichiarato: "William McFarland ha promesso un festival musicale, ma in realtà ha prodotto un disastro. McFarland ha presumibilmente presentato dei documenti falsi per indurre gli investitori a impegnare oltre un milione di dollari nella sua società e nel fiasco chiamato Fyre Festival. Grazie agli sforzi investigativi dell'FBI, McFarland dovrà ora rispondere per i suoi crimini".

McFarland e il suo partner, il rapper Ja Rule, sono imputati in più di una dozzina di altre cause legali. Si sostiene che i due abbiano inviato ai potenziali investitori informazioni finanziarie fasulle con la speranza di ottenere da loro del denaro. Rule al momento non è stato arrestato.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.