La rigenerazione dello spirito globale: Depeche Mode a San Siro, la recensione

La rigenerazione dello spirito globale: Depeche Mode a San Siro, la recensione

Un simbolo della pace è in bella vista sulla batteria dei Depeche Mode. Dave Gahan e soci sono lontani dall'immagine classica dei fricchettoni pacifisti, ma il messaggio dell’ultimo disco e di questo tour è di provare, con la musica, a cambiare lo zeitgeist. Quello che per i filosofi tedeschi era lo “spirito dei tempi”, e oggi per la band è il “Global spirit", il nome del tour che approda a San Siro per la seconda tappa italiana.

La serata inizia con gli Algiers, freschi di pubblicazione del secondo album “The underside of power” (e di un concerto in solitaria ieri alla Santeria: qua la nostra intervista). Sono le nove e qualche minuto quando a San Siro risuonano le note di “Revolution" dei Beatles, a cui segue un video sui tre megaschermi che anticipa l'entrata della band, accolta da un boato. Gahan quasi si nasconde, in controluce su una passerella sullo sfondo colorato dello schermo, che contrasta con le parole di "Goin backwards": “We have not evolved".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/jQZ7VbCY0PBKkFen6VxgmqGWCgQ=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fdepeche-mode-20170627-201313-3k2a7323.jpg

E’ questo contrasto che segna il concerto: quello tra la melodie cantabili e tra il suono duro dei dei brani, spesso centrato sulla batteria. Quello tra la festa della musica e l’invito alla rivoluzione dell'ultimo disco “Spirit”. "There is so much love in me", cantano alla seconda canzone i Depeche Mode, per urlare subito dopo "Whatever I've done, I've been staring down the barrel of a gun". È il primo classico in scaletta, e i megaschermi inquadrano la band, rivelando a tutto lo stadio il gilet lamé di Dave e la chitarra a forma di stella argentata di Martin Gore.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/CzXPCs9WeUKbQh76A-0QvQLRZUU=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fdepeche-mode-20170627-202346-3k2a7554.jpg

L'altro dualismo è, ovviamente, quello storico e consolidato tra Dave e Martin: le voci si intrecciano fin da subito, con il cantante che cerca Gore già al secondo verso del primo brano.  Gahan è il dominatore assoluto della scena, un carisma e una padronanza del palco che hanno pochi eguali: alterna incitazioni al pubblico a mossette (sempre accolte da un boato), canta in maniera perfetta. Martin, quasi sempre alla chitarra, lo guarda benevolo alla sua destra e assieme a Fletch costruisce un suono potente che scuote lo stadio. L'acustica di San Siro non è delle migliori, è noto, e tende ad esaltare soprattutto i bassi della band, in particolare la batteria, che in più di un momento sovrasta tutto il resto.

La prima parte dello spettacolo tende a dare molto spazio ai megaschermi: la band che, gigantesca, viene mostrata in bianco e nero durante “So much love” duplicando quella reale sul palco. O il il video di una coppia che balla durante "In your room" o ancora il Gahan vestito da astronauta urbano di “Cover me”; la canzone  ha uno stupendo finale strumentale, musicalmente uno dei momenti più belli della serata. Dave, dopo essere sceso tra il pubblico sulla passerella, lascia la scena a Martin che canta un applauditissimo uno-due con “A question of lust" e “Home”. Il cantante principale si riprende il palco poco dopo, dirigendo l'orchestra del pubblico di San Siro che continua a cantare in coro il finale della canzone. 

Nella prima parte qualche scelta di scaletta allenta la tensione, ma da “Everything counts" in poi il concerto letteralmente decolla. La lunga intro del pezzo serve solo ad aizzare la platea, ma quando parte il giro di tastiera e viene riconosciuto il pezzo, lo stadio impazzisce; quando si arriva al ritornello cantato da Martin, è già un trionfo.
Una carrellata di classici che culmina in “Enjoy the silence”: mentre animali fluo giganteschi vengono mostrati sullo schermo alle spalle della band, lo stadio canta in coro. La coda strumentale rende ancora più bella una canzone perfetta.  Ed è in quei momenti che viene fuori tutta la bravura della band: nel riarrangiare le canzoni, senza snaturarle ma rendendole ancora più potenti per risuonare in uno stadio. “Never let me down again" subisce un trattamento simile, e trasforma San siro in un mare di braccia che vanno a tempo.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/RRO5BKfhsqMu-NsrVQasUrzqcds=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fdepeche-mode-20170627-201647-3k2a7401.jpg

I bis si aprono con Martin Gore che canta “Somebody”, ma la vera protagonista del finale è la cover di “Heroes" di David Bowie, che parte rallentata in versione elettronica, con una bandiera sullo sfondo: è il simbolo più ricorrente della serata, a ricordare che sono tempi difficili, e che il "Global spirit" va rigenerato con la musica.
Ancora una volta la musica dei Depeche Mode riesce nell’operazione di rigenerare decine di migliaia di persone.

(Gianni Sibilla)

SCALETTA:
"Going backwards"
"So much love"
"Barrel of a gun"
"A pain that I'm used to"
"Corrupt"
"In your room"
"World in my eyes"
"Cover me"
"Home"
"A question of lust"
"Poison heart"
"Where's the revolution"
"Wrong"
"Everything counts"
"Stripped"
"Enjoy the silence"
"Never let me down again"

BIS
"Somebody"
"Walking in my shoes"
"Heroes"
"I feel you"
"Personal Jesus"

 

Dall'archivio di Rockol - Depeche Mode: dieci video che ripercorrono la loro carriera
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.