'One Love Manchester', gli 'imbroglioni del biglietto' saranno indagati dalla polizia

'One Love Manchester', gli 'imbroglioni del biglietto' saranno indagati dalla polizia

Non se la caveranno con la pubblica disapprovazione e lo sdegnato rimprovero del promoter quanti - circa 10mila persone, secondo le autorità britanniche - abbiano finto di essere tra il pubblico di Ariana Grande la sera del 22 maggio, quella del terribile attacco terroristico alla Manchester Arena, per conquistare un biglietto omaggio per "One Love Manchester", il mega-evento dal vivo che segnerà il ritorno sul palco della popstar di Boca Raton, Florida, e la mobilitazione dello stardom musicale globale contro il terrore: la polizia inglese ha infatti comunicato ufficialmente che convocherà e interrogherà chiunque si sia finto vittima dell'attacco per approfittare della scelta degli organizzatori, che hanno accordato ai fan della cantante presenti la sera dell'attentato il diritto di assistere gratuitamente all'evento benefico.

Per il momento non è ancora chiaro quale reato si possa ipotizzare a carico di chi abbia tentato di conquistare fraudolentemente i biglietto gratuito, né la pena al quale i furbetti del biglietto possano andare incontro: "Questo aspetto lo stiamo esaminando insieme ai promoter", hanno spiegato i portavoce della polizia.

La faccenda, tuttavia, potrebbe assumere risvolti penali rilevanti: secondo quanto riferito dal Guardian dietro le 10mila richieste della "false vittime" ci sarebbero in realtà dei bagarini, che avrebbero creato false identità per beneficiare fraudolentemente dell'iniziativa dei promoter. Che, a questo punto, potrebbero citare in giudizio per truffa gli speculatori disonesti.

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.