Heavy metal pub - the mix: Paradise Lost

Heavy metal pub - the mix: Paradise Lost

Il "paradiso perduto" lo ritroviamo all'Heavy metal pub... venite a farvi qualche pinta, leggendo la storia dei Paradise Lost, band made in Halifax (UK) che ha segnato quasi tre decenni di musica estrema all'insegna del doom e delle sonorità più oscure (con virate verso territori inaspettati).

I PARADISE LOST SONO PROTAGONISTI DI METAL FOR THE MASSES: SCOPRI IL CATALOGO SONY MUSIC CENTURY MEDIA A PREZZO SPECIALE

Da quella culla infernale che fu l’Inghilterra, almeno per il metal, negli anni Ottanta, scaturisce la creatura sulfurea e gotica dei Paradise Lost. La band è in attività, appunto, dal 1988 e con una straordinaria stabilità nella line-up – che ha visto solo l’avvicendarsi di batteristi, mentre il nucleo formato da Nick Holmes, Greg Mackintosh, Aaron Aedy e Steve Edmondson è rimasto invariato.

Il nome della band si riferisce – ovviamente – al poema epico dell’inglese John Milton di argomento religioso (racconta l'episodio biblico della caduta dell'uomo: la tentazione di Adamo e Eva a opera di Satana e la loro cacciata dal giardino dell'Eden.) risalente al 1667; e il sound proposto agli esordi ricalca questa ispirazione: i Paradise Lost sono, infatti, fra i pionieri del death doom metal – genere che esalta le atmosfere lente e soffocanti del doom con cantati che alternano growl e melodia, uniti all’uso della doppia cassa per i tempi di batteria.

Caratteristica della band di Halifax, come spesso accade per i pilastri di un genere, è la capacità di evolvere e sviluppare una personalità che trascende i paletti e le regole. Infatti dopo una prima terna di album più intransigenti ed estremi, i Paradise Lost iniziano a ri-plasmare la propria identità, fino a giungere a un gothic metal raffinatissimo, d’impatto e di grande successo commerciale (di cui l’album “Draconian Times” è forse la massima espressione). Un cambiamento che apre la strada a un altro cambiamento… infatti nei seguenti due dischi vediamo il gruppo allontanarsi dal metal per abbracciare la sperimentazione venata di elettronica e il pop wave dark anni Ottanta: una sorta di rivoluzione copernicana stilistica, che per molti fan della prima ora è stata difficile da digerire.

Il nuovo millennio, poi, porta alla proverbiale chiusura del cerchio, con un ritorno a un sound più metallico e vicino all’ispirazione di “Draconian Times”, oltre a un rinnovato successo per acclamazione di critica e fan.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.