Heavy metal Pub – shots: Paradise Lost

Heavy metal Pub – shots: Paradise Lost

Anche la bella stagione ha i suoi lati oscuri, ombre e malinconie che la rendono a volte tragica come un inverno gelido. E chi meglio dei Paradise Lost può introdurci in questa dimensione? Dal death metal melodico seminale, a un sound più radiofonico groove/alt metal: la parabola degli In Flames è stata lunga e costellata di grandi pezzi. Spesso al centro di discussioni fra detrattori e grandissimi fan, loro non si sono mai lasciati tangere dalle opinioni altrui, continuando per la loro strada. Ecco come: ce lo raccontano di persona…

I PARADISE LOST SONO PROTAGONISTI DI METAL FOR THE MASSES: SCOPRI IL CATALOGO SONY MUSIC CENTURY MEDIA A PREZZO SPECIALE

- Non mi piace come si cerchi sempre di semplificare tutto. È anche noioso. Accade specialmente nel metal che le persone vogliano inquadrare le cose senza considerarne la complessità. Ad esempio, io non sono esattamente ciò che scrivo nei miei pezzi. […] Anzi, spesso butto giù un verso, poi dopo tre mesi torno a lavorarci… non è tutto sempre bianco o nero.

- Per circa cinque anni, all’inizio, siamo stati del tutto presi dal doom metal. Poi io ho iniziato a interessarmi ad altre cose e ho capito che il growl era un modo di cantare troppo limitativo. Per cui verso il 1992 ho deciso di esplorare il mio registro vocale.

- Ogni disco che facciamo rappresenta il momento che viviamo come persone. Ovviamente non siamo più ragazzi, ma siamo sempre bravi a fare deat doom, quando ci mettiamo. Ci viene molto naturale.

- A volte mi sento molto malinconico. Ed è in queste occasioni che scrivo il nuovo materiale. Vado giù, nel mio scantinato, scrivo i testi e mi immergo nel mio piccolo mondo per qualche ora. Poi riemergo e la realtà non ha nulla a che vedere con quel mondo. Direi che scrivo delle specie di poemi, ma non necessariamente hanno un senso compiuto.

- Nel nostro periodo pop… siamo stati un gruppo pop fallito. C’è da dire che in quel momento eravamo, probabilmente, tutti mal messi a livello personale. Tutti stavamo passando dei guai. E in effetti ciò si è ripercosso in modo negative sul gruppo. Ma non incolpo nessuno per quanto è successo. Abbiamo avuto un piccolo sbandamento, forse perché siamo stati troppo in tour, nel periodo precedente. Quindi desideravamo ardentemente un grosso cambiamento. Devo dire che la musica e I dischi di quel periodo, però, per me sono intrisi di disperazione e ne vado fiero. Secondo me “Host” è uno dei nostri album migliori.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.