I Pearl Jam e la polemica dell'ex batterista Dave Abbruzzese per la Rock and Roll Hall of Fame

I Pearl Jam e la polemica dell'ex batterista Dave Abbruzzese per la Rock and Roll Hall of Fame

Una decina di giorni fa è stata pubblicata la lista dei 19 candidati per la Rock and Roll Hall of Fame 2017: oltre a Depeche Mode, Yes, Chic e Kraftwerk, nella lista compare anche la band guidata da Eddie Vedder. I Pearl Jam potrebbero essere tra i cinque dei 19 candidati che effettivamente entreranno a far parte della Rock and Roll Hall of Fame, ma per scoprirlo bisognerà attendere dicembre, quando verranno rivelati i risultati della votazione di una giuria di artisti e membri dell'industria musicale.

I membri dei Pearl Jam che, in caso di induzione, entrerebbero a far parte della Rock and Roll Hall of Fame, sono i quattro membri fondatori (vale a dire il cantante Eddie Vedder, i chitarristi Stone Gossard e Mike McCready, il bassista Jeff Ament e l'ex batterista Dave Krusen, dietro i piatti tra il 1990 e il 1991) e l'attuale batterista del gruppo (Matt Cameron, entrato a far parte dei Pearl Jam nel 1998). Sono stati dunque esclusi i batteristi Dave Abbruzzese (nella band tra il 1991 e il 1994) e Jack Irons (1994-1998). Proprio Abbruzzese sembra non aver preso benissimo la notizia dell'esclusione e, all'indomani della pubblicazione della lista dei candidati, si è lasciato andare ad alcuni commenti non proprio teneri, su Facebook:

"Ho visto cambiare un accordo di 15 anni semplicemente ignorando il suo contenuto , costringendomi ad accettare le modifiche" - ha scritto - "i membri dei Pearl Jam devono sapere qual è la cosa più giusta da fare, non possono giustificare che venga ignorato il mio contributo".

A distanza di qualche giorno dalla pubblicazione di questi commenti, poi, Abbruzzese ha pubblicato un post nel quale è tornato ad esprimersi sulla candidatura dei Pearl Jam alla Rock and Roll Hall of Fame 2017 e alla sua esclusione dalla formazione della band. Nel nuovo post, il batterista punta il dito contro i media, colpevoli di aver pescato commenti dalla sua pagina Facebook ufficiale e di averli messi insieme creando "una storia che non esiste", strappandoli dal loro contesto originale:

"Stanno prendendo commenti su Facebook fuori contesto, utilizzandoli per creare una storia che non esiste. ho reagito emotivamente e la mia reazione era basata su una mancanza di comprensione. ho parlato con amici e coetanei: voglio vedere come va a finire. non sono arrabbiato né con la Rock and Roll Hall of Fame né con i Pearl Jam".


I Pearl Jam, sui loro canali social ufficiali, non fanno neanche un accenno alla vicenda, né rispondono ai commenti dell'ex batterista.

Una episodio del genere era avvenuto già lo scorso anno, con protagonista Ian Gillan alle prese con le decisioni dell'istituzione rock di Cleveland: la Rock and Roll Hall of Fame, nel candidare i Deep Purple all'edizione 2016, aveva scelto di premiare i membri storici del gruppo, lasciando fuori i membri attuali. Gillan non aveva usato mezzi termini: "È come invitarmi a un matrimonio senza la mia famiglia costringendomi a sedermi di fianco alla mia ex".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.